gamerslance.com

RECENSIONE Trine 3: The Artifacts of Power su PS4

 

Se nel 2009 il gioco Trine aveva saputo stupirci, soprattutto su PlayStation 3, è chiaro che il suo sequel, sobriamente intitolato Trine 2 aveva chiaramente qualcosa che ci lasciava perplessi quando uscì nel 2011. Anzi, oltre a una grafica aspetto ancora un po 'più funzionante del suo non meno grazioso fratello maggiore, questa seconda opera aveva portato con sé molti bug, problemi tecnici, ma anche un gameplay troppo impreciso per convincerci. Trine 3 farà di meglio? Verdetto.




Trine è una licenza separata. A metà strada tra la chiamata al viaggio e la meraviglia. I giocatori di PlayStation 4 hanno persino ottenuto la seconda puntata rimasterizzata nel 2013, ovvero Trine 2: The Complete Story (potresti esserti divertito anche tu gratuitamente grazie a PlayStation Plus). Le modifiche di questa versione new-gen non sono state certo numerose, ma almeno hanno avuto il merito di offrire un'esperienza leggermente rinnovata. Ad esempio, per consentire al mago Amadeus di generare casse di gioco, abbiamo dovuto disegnare quadrati con le dita sul touchpad del DualShock 4. Geniale, anche se molto rapidamente fastidioso. Un anno dopo, a dicembre 2014 per la precisione, è stata la volta del primo gioco della saga ad approdare su PlayStation 4 (sì, anche noi, la logica degli orari ci sorprenderà sempre). Anche in questo caso, questo remaster chiamato Trine: Enchanted Edition non doveva vergognarsi del mondo e offriva la famosa combo 1080p / 60 fps tanto attesa da molti giocatori. Ancora più forte, questa versione di nuova generazione ha portato il 3D stereoscopico (riproducibile in 720p, it). Sia chiaro, allo studio Frozenbyte dietro la licenza piace fare le cose in grande. Questo è anche il caso ancora una volta con l'uscita di questo famoso Trine 3: The Artifacts of Power, disponibile dal 16 dicembre sul PlayStation Store francese (una settimana prima della versione nordamericana, proprio quella).




Infatti, se questo nuovo segmento è già disponibile da questa estate su PC, ammettiamo almeno che avremo difficoltà a sentirci offesi sperimentando la versione console 6 mesi dopo. Perché, come le precedenti versioni HD Remaster portate dagli sviluppatori, questa porta arriva in 3D stereoscopico, con una frequenza di aggiornamento di 60 fotogrammi al secondo e si concede persino il lusso di essere giocabile a 3 sullo stesso schermo (la co-op online non è attualmente pianificato). Un aspetto multiplayer molto gradito nei due precedenti capitoli di questa incantevole saga. Tuttavia, abbiamo chiaramente (e sfortunatamente) preferito l'esperienza in solitario offerta dal gioco, poiché la telecamera ti infastidirà quando proverai l'avventura con uno (o due) compagni. Dai la colpa a una novità importante, assente da Trine e Trine 2: 3D.

No, non ci riferiamo qui al 3D del tuo schermo appena acquistato, ma agli scatti su cui i tuoi personaggi potranno muoversi più o meno liberamente nel gioco.La preoccupazione è che la serie fosse nota, alla base, da fare in scorrimento orizzontale in 2D. Voler cambiare il gioco è perfettamente legittimo da parte di Frozenbyte. Dopotutto saper sviluppare una licenza negli anni è un criterio importante per il successo, soprattutto con i giocatori attuali, sempre più esigenti. Ahimè, tre volte ahimè, questa volta lo studio avrebbe potuto fare meglio ad astenersi. Perché se questo famoso 3D permette di variare gli scatti, dà soprattutto un mal di testa incredibile in quanto la telecamera (completamente automatizzata, e quindi impossibile da gestire manualmente) tenderà comunque a posizionarsi a seconda che si salti su bordi rialzati o si corra distruggi tutto sul tuo cammino. Aggiungete a quei colori che sono troppo sgargianti e trame risalenti alla generazione di PlayStation 3, e capirete rapidamente perché questa terza opera ha lasciato l'amaro in bocca ai nostri controller.




È ancora più sfortunato che il gameplay proposto non cambi di una virgola. I clienti abituali saranno quindi su un terreno familiare qui e presto troveranno i loro segni. Così, Ponzio il cavaliere colpirà con la sua spada e sarà anche in grado di planare grazie al suo scudo, mentre Zohia il ladro potrà collegare il suo rampino a quasi tutto ciò che luccica, quando non sta sparando frecce ben piazzate. sui nemici in agguato nelle vicinanze. Infine, Amadeus il mago (da non confondere con il musicista) evocherà, come vi abbiamo detto in precedenza, casse di metallo per poter raggiungere luoghi posti in altezza. Classico dunque, che non rivoluzionerà in alcun modo il vostro modo di giocare, ma che senza dubbio farà battere forte i fan delle prime due opere.

Infatti, se tutto rimane molto gestibile, è anche e soprattutto dovuto al fatto che il tutto è stato, diciamolo, casualizzato. In effetti, Ponzio sembra quasi invincibile ei nemici non offrono assolutamente alcuna resistenza. Zohia, non ha più nemmeno bisogno di mirare con il suo arco, è lui che lo fa per lei. Peggio ancora, rimanendo premuto sul grilletto R2, quest'arma primitiva diventerà, tieniti forte, una specie di mitragliatrice, lanciando frecce a raffica, e questo, in modo illimitato. Infine, il più inquietante rimane, ai nostri occhi, il caso di Amadeus. Se il mago non è un modello di manovrabilità (colpa dei suoi salti sempre così mal gestiti dal gioco e dalla sua telecamera traballante), è lo stesso più che sbalorditivo vedere quanto il suo gameplay abbia per lui così particolare. e semplicemente ritirato. Capirai, l'uomo con poteri magici ora può evocare casse a bizzeffe, e questo in qualsiasi momento del gioco semplicemente premendo il pulsante triangolo. Frustrante. Si noti comunque che tutto viene eseguito sullo schermo senza il minimo calo di framerate… Bisognava trovare un punto positivo in tutto questo, non è vero?




Potremmo continuare a parlare del gioco per ore e ore, e in particolare la sua simpatica colonna sonora guastata da voci esagerate e ridicole. O anche la sua vergognosa durata (un pomeriggio sarà sufficiente per coprirlo al 100%), a causa della sua flagrante mancanza di sfida. Infatti, se gli enigmi sono sempre nel gioco e possono essere di volta in volta ingegnosi, dobbiamo ammettere che i combattimenti, oltre ad essere inutili, sono quasi inesistenti. In questo caso, che dire del personaggio di Ponzio, fatto solo per combattere? Al momento stiamo ancora cercando la risposta a questa domanda. Il risultato delle gare, Trine 3 è fin troppo facile, e le uniche volte in cui puoi morire stupidamente, sarà ovviamente dovuto a questa folle fotocamera ereditata dai primi giochi 3D dell'era PSX. A tutto questo dovremmo aggiungere la totale scomparsa dell'albero dei talenti? In altre parole, non subirai alcuna evoluzione dei tuoi personaggi dall'inizio alla fine del gioco, non lanciare più, il Trine è pieno!

VERDETTO: 4/10

Iniziata nel 2009, la saga di Trine è sempre stata apprezzata dal maggior numero di persone, nonostante una seconda opera poco convinta. Le speranze basate su questo Trine 3: The Artifacts of Power erano quindi reali. Aggiungi il 3D alla ricetta originale, perché no? Tuttavia, la telecamera singola risultante probabilmente causerà scoppi d'ira memorabili (e altri scoppi di risate), specialmente in multiplayer. Quindi, oltre a ciò, quest'ultima opera ci avrà segnato per la sua durata di vita ridicola, la sua facilità sconcertante e la sua grafica appena bevibile. Si spera che Frozenbyte vada avanti, perché nel frattempo è un dato di fatto: Trine non c'è più.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Trine 3: The Artifacts of Power su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.