gamerslance.com

RECENSIONE Trials of the Blood Dragon su PS4

 

Se Ubisoft è riuscita a stupire il suo pubblico all'E3 con il suo gioco scorrevole Steep, anche quest'ultimo è riuscito a sorprenderci - ancora una volta - con l'annuncio di una nuova estensione di Trials Fusion. Infatti, sebbene sia passato relativamente inosservato, Trials of the Blood Dragon non avrà mancato di solleticare i fan di Trials e dell'ottimo Far Cry 3: Blood Dragon, poiché compila i due universi per dare vita a un risultato inaspettato e sorprendente. In un buon modo, ovviamente.




Benvenuto nel 2019!

Anche se l'editore francese viene spesso segnalato per la sua mancanza di originalità, soprattutto per il fatto che i suoi giochi stentano a rinnovarsi, bisogna riconoscere che sa offrirci belle sorprese. Soldati inconsci: Memories of the Great War o Child of Light sono esempi convincenti. Ma potremmo anche citare Far Cry 3: Blood Dragon che, se non ha rivoluzionato la licenza di Far Cry, è stato in grado di distinguersi con la sua atmosfera kitsch direttamente dai film di fantascienza degli anni '80. Opere di cultura pop, ha dimostrato che Ubisoft potrebbe molto beh, rendi i giochi molto più disinibiti del solito.

Allora, qual è stata la nostra sorpresa quando Ubisoft ha svelato, durante la sua conferenza all'E3 scorso, un nuovo gioco Trials ambientato nell'universo stabilito da Far Cry 3: Blood Dragon che tutti pensavamo sepolto. E anche se, tanto per ammetterlo, avremmo preferito un vero e proprio sequel, è un vero piacere ritrovare questa atmosfera retrò che affascina sempre di più il grande pubblico. Tanto più che questo non è l'unico fascino del gioco, dato che se in apparenza sembra una semplice estensione a sé stante di Trials Fusion, non si limita a semplici viaggi da compiere su una moto. Dopotutto, ci vorrà molto più di una semplice bicicletta per porre fine alla quarta guerra del Vietnam ...




Trials of the Blood Dragon non fa le cose a metà

Vietnam Wars 4

Gli eventi di Trials of the Blood Dragon, per quanto insoliti, si svolgono 12 anni dopo la storia di Far Cry 3: Blood Dragon. Il leggendario Rex Power Colt ha ceduto alla guerra, volendo eliminare i comunisti da solo e lascia i suoi 2 figli: Roxanne e Slayter. In qualità di degni successori del padre, si impegneranno in una lotta spietata per porre fine a questa guerra. Contro ogni aspettativa, c'è davvero uno scenario e il gioco ci svela la sua storia attraverso simpatiche cutscene animate. Diciamolo, la messa in scena non è niente di straordinario, ma apprezziamo avere un po 'di uno scenario in cui gli sviluppatori avrebbero potuto scegliere di abbandonare questo aspetto per concentrarsi solo sul gameplay. L'aspetto VHS ed i vari tagli che presentano annunci usciti da quello che era più kitsch 30 anni fa danno un certo prestigio al titolo di Ubisoft, è innegabile.

Non tutti apprezzeranno il filtro grafico, ma il rendering è efficiente

Inoltre, la direzione artistica del titolo è chiaramente uno dei suoi punti di forza. Se troviamo ambienti quasi presi da Far Cry 3: Blood Dragon, il gioco ci fornisce molti nuovi sfondi. Tra templi perduti pieni di trappole, Vietnam in mezzo alla guerriglia e ambienti urbani, difficilmente si può rimanere delusi su questo punto. Per quanto riguarda il level design, siamo piacevolmente sorpresi dalla sua efficienza e originalità, soprattutto perché il gioco non è stato vinto in anticipo dopo una Trials Fusion con più DLC (incluso il delirante AWESOME LEVEL MAX). Ciò si riflette in particolare nell'approfondimento delle meccaniche di gioco su cui si basa da anni la licenza Trials.





Cybergameplay Mark VI

Pertanto, alcuni livelli saranno punteggiati di punti a cui i nostri protagonisti possono aggrapparsi con il loro rampino per attraversare crepacci e altre aree vuote. L'esercizio richiede un minimo di allenamento per essere padroneggiato, e questo aggiunge una certa difficoltà, soprattutto quando determinati passaggi richiedono di incatenare i lanci del rampino evitando le trappole che sporcano l'area. Basti dire che l'ultimo terzo del gioco richiederà concentrazione e ottenere il massimo punteggio in questi livelli a volte porterà più fortuna che talento. In questo, questo Trials of the Blood Dragon non è proprio un Trials in senso stretto e questo è confermato ancora di più quando evochiamo la più grande novità in termini di gameplay.

Infatti, se l'avventura è percorsa in gran parte su una motocicletta, saranno in programma fasi di piattaforma a piedi. Se i movimenti e i salti dei nostri fratelli mancano di fluidità, questi passaggi rimangono relativamente semplici e non dovrebbero essere un problema di per sé. Non riuscendo a offrire una vera sfida, consentono di variare i piaceri e di utilizzare l'arma messa a disposizione in modo molto più intuitivo che su una moto. Alcuni livelli propongono infatti di utilizzare un'arma per eliminare i nemici che si troveranno sulla tua strada. Tuttavia, tirare mantenendo l'equilibrio della bici richiede un po 'di destrezza, ma comunque la miscela risulta essere abbastanza efficace.




Riferimenti, parodie, umorismo bizzarro ... La ricetta del "Blood Dragon" è qui!

Difficile però non essere amareggiati una volta che la partita è terminata in ogni sua parte, in un piccolissimo pomeriggio. Nonostante alcuni passaggi subdoli, 3 ore saranno più che sufficienti per completare i 30 livelli che compongono Trials of the Blood Dragon. Difficile puntare il dito sulla mancanza della modalità multiplayer e sulla non presenza dell'editor di livelli quando gli sviluppatori pensavano che la loro copia fosse giocata da solo, come Far Cry 3 Blood Dragon. Tuttavia, l'integrazione di queste due funzioni avrebbe potuto chiaramente gonfiare una durata piuttosto scarsa per i 15 € richiesti dall'editore. Ci consoleremo con l'album di immagini da completare, poiché ogni nota sopra la A in ogni livello ti darà diritto a un nuovo adesivo.

Quando la musica è buona

Fortunatamente per lui, Trials of the Blood Dragon brilla ampiamente con la sua direzione artistica padroneggiata e la sua deliziosa atmosfera sottolineata dalla OST, composta dal talentuoso gruppo elettronico Power Glove. Come promemoria, Ubisoft aveva già chiamato il duo di Melbourne per la musica di Far Cry 3: Blood Dragon. Non c'è da stupirsi quindi di trovarli qui, soprattutto perché i due compositori non hanno perso nulla del loro genio. E quale modo migliore per convincersene se non un remix dell'ottimo Roller Mobster del loro collega francese Carpenter Brut?

Capirai, la musica gioca un certo ruolo in questo tipo di gioco, per quanto in Trials Fusion la musica non avesse un reale interesse, inoltre l'OST non era francamente indimenticabile. Anche in questo Trials of the Blood Dragon, assume tutto il suo significato e offre una vera dimensione retrò a questi ambienti dai colori sgargianti. Anche queste sono molto vivaci e spesso si animeranno durante le nostre missioni, al punto che abbiamo già perso diverse aree, essendo troppo occupati a guardare cosa accadeva in background.

Questa è forse la critica più grande che potremmo fare a questo crossover di successo tra Blood Dragon e Trials: che le sue qualità più grandi sono quelle che stanno dietro. Una bella atmosfera, un OST ben congegnato, uno scenario carino, sono tutti punti a favore del gioco, ma avremmo apprezzato un po 'più di ritocco riguardo alle fasi della piattaforma che non sono così estese come le fasi della moto, oltre che contenuto più sostanziale. Che si tratti di livelli per giocatore singolo o modalità di gioco aggiuntive, Trials of the Blood Dragon manca un po 'di coerenza, sfortunatamente. Detto questo, sarebbe un peccato voltare le spalle a un titolo del genere, quindi sopportiamo questi difetti e finiamo per tornare indietro, solo per battere i nostri tempi migliori o far esplodere i punteggi dei nostri amici. Dopo tutto, non è quello lo spirito di Trials?

Alcuni passaggi richiedono una certa abilità

Verdetto: 7/10

Trials of the Blood Dragon manca solo la marcia dell'eccellenza, colpa di difetti che potremmo già incolpare Far Cry 3: Blood Dragon a suo tempo. Quasi più impegnativo di un Trials Fusion, affascinerà soprattutto i giocatori che hanno incontrato Rex Power Colt 3 anni fa. Il suo aspetto piattaforma / ripresa attirerà tuttavia un pubblico più ampio che dovrebbe senza dubbio agganciarsi all'umorismo e ai tanti riferimenti sparsi dappertutto.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Trials of the Blood Dragon su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.