gamerslance.com

RECENSIONE The Technomancer su PS4

 

Se gli studi di sviluppo francesi famosi in tutto il mondo sono pochi, ce n'è almeno uno il cui nome è spesso apparso nelle conversazioni di gioco per alcuni anni, ovvero Spider. Dopo aver lavorato alla versione Xbox 360 di Sherlock Holmes contro Jack lo Squartatore nel 2009, i programmatori di questa struttura parigina hanno subito voluto rilasciare le proprie licenze. A partire dal mediocre Faery: Legends of Avalon nel 2011. Lungi dall'essere scoraggiato per tutto ciò, il bel team ha sviluppato un titolo molto più ambizioso chiamato Mars: War Logs nel 2013. The Technomancer, il gioco che stiamo preparando per farti parlare , è la sua continuazione spirituale.




Sono passati dunque tre anni dall'uscita del celebre Mars: War Logs. Disponibile all'epoca su PC, Xbox 360 e PlayStation 3, quest'ultima aveva ereditato una reputazione per metà fico e per metà uva. In effetti, come Faery, o l'audace Of Orcs and Men (un altro gioco di Spiders, pubblicato nel 2012), Mars: War Logs ha sofferto di molti problemi tecnici. Piuttosto dannoso quindi, soprattutto perché lo sfondo utilizzato non era poco interessante (il pianeta rosso ha sempre lo stesso effetto), e alcune buone idee sembravano più incompiute di ogni altra cosa. Finiamo quindi per concludere che ciò che è più dannoso per le produzioni di Spiders è la sua flagrante mancanza di budget. Qual è stata la nostra delusione, ancora una volta, nel 2014, con l'uscita del loro ultimo bambino chiamato Bound by Flame. Una specie di mix tra un sub-Dragon Age Origins e un episodio a dente di sega di Game of Thrones, il gioco ha timidamente trovato il suo pubblico. Abbiamo viaggiato in zone ultra-chiuse, lo scenario chiaramente non era all'altezza delle aspettative e il suo sistema di combattimento, sebbene impegnativo, soprattutto ha reso il gioco ancora più morbido e rigido di quanto non fosse da partenza. Visivamente, questo gioco di ruolo d'azione non era all'altezza della PlayStation 4, e non sorprende quindi che ci aspettassimo il giustamente chiamato The Technomancer.




Sulla carta, l'ultimo di Spiders ha tutto per essere il gioco di ruolo d'azione che farà conoscere lo studio ... in meglio, questa volta! Sì, perché uscita dalla vecchia generazione di console, questa volta il gioco viene rilasciato "solo" su PlayStation 4, PC e Xbox One. Ci vengono quindi promesse aree molto più aperte, un bestiario più vario, grafica molto più fine, fluidità molto più in linea con gli standard attuali, ecc. Tutto questo avviene ovviamente sullo stesso sfondo di Mars: War Logs. Il Technomancer è quindi il 5 ° gioco di questa piccola squadra francese con sede a Parigi (l'8 ° se contiamo il lavoro svolto per altre società), e probabilmente il più atteso di tutti. Un'aspettativa mantenuta dai pochi trailer sparsi nell'arco di diversi mesi e dai video di gameplay commentati dagli stessi sviluppatori. Focus, l'editore, ha anche messo i piccoli piatti in grande in termini di campagna di marketing, e riteniamo che la volontà sia qui per collocare The Technomancer allo stesso livello dei più famosi action-RPG, di cui si ispira. eccessivamente. Mass Effect, per citarne solo uno. Inutile dire che il prezzo dell'editore sarebbe stato all'altezza delle ambizioni dello studio, o 54,99 € su PlayStation 4 per la precisione. Un'aggiunta che si rivela giusta se si tiene conto del costo di "produzione" di un gioco del genere ... Apparentemente non era abbastanza.

Tutto inizia quando hai appena finito di installare il gioco. Quest'ultimo del peso di 7.8 GB su PlayStation 4, ci diciamo istintivamente che il terreno da percorrere nel mondo di The Technomancer o è vuoto, o minuscolo, o molto brutto. Tutte e tre le scelte erano possibili e tutti hanno risposto alla chiamata! E questo, dal menu principale altrove. Un semplice colpo di pipa, facendoci scoprire allo stesso tempo trame bavose, di un'altra epoca, e sfocate a bizzeffe. Il menu stesso è un concentrato di tutto ciò che non è stato fatto per 10 anni nell'industria dei videogiochi. Tuttavia, il gioco ci lascia la scelta di effettuare diversi salvataggi (un ottimo punto, quindi, per chi vorrebbe provare più giochi), oltre a diverse modalità di difficoltà (Easy, Normal, Hard, Extreme). Anche il filmato introduttivo ci rassicura subito, l'universo marziano che tanto speravamo di trovare sembra bene e veramente nel gioco. I personaggi che ci vengono mostrati sembrano essere stati trattati, tanto più i mutanti, e gli effetti di luce colpiscono nel segno. Notiamo subito che il doppiaggio è disponibile solo in inglese (peccato per un gioco francese, saremmo tentati di urlare, ma sì!), E che i sottotitoli sono estremamente piccoli, oltre all 'essere bianchi… Brutto punto! Inoltre, anche prima di poter finire di leggere la storia principale che ci è stata raccontata, ci troviamo davanti alla schermata di creazione del personaggio. E quindi, potresti anche dire che il soufflé cade quasi all'istante.




Nessuna possibilità di scegliere un cognome (il nostro "eroe" si chiamerà Zachariah Mancer, e non altrimenti), 4 o 5 colori della pelle combattono in un duello, nessun pelo disponibile, cambio di colore degli occhi invisibile ad occhio nudo appunto, a malapena un poche facce possibili (e tutte molto brutte), questa prima parte del gioco ci ha fatto una pessima impressione. Diciamo solo per essere chiari che è soprattutto l'immersione che richiede un successo, dopotutto dovremmo essere in un gioco di ruolo, giusto? Successivamente, dovrai scegliere di posizionare i tuoi punti talento nei menu contestuali corrispondenti, e questo, per governare in qualche modo i tuoi inizi in questa avventura marziana (preferirai la Forza all'Agilità, o sceglierai la Scienza e il Carisma di un loquace?). Tutta questa introduzione basata su menu è la parte migliore del gioco No, non stai sognando. Da lì, stai per intraprendere un viaggio di 30 ore (se hai il coraggio di andare fino in fondo) in un gioco di un'altra epoca, dove le animazioni sono allegre, dove la grafica e la direzione artistica ti faranno meravigliare. se non hai acquistato per errore una possibile versione per PlayStation 3, dove i bug a volte ti faranno ululare dalle risate, a volte piangere amaramente (quando le missioni non possono più essere lanciate, per esempio) ...

Da parte nostra, abbiamo piuttosto frainteso come The Technomancer sia riuscito a uscire così com'è. Quando giochi come Dragon Age Inquisition e / o Mass Effect 3 (già più vecchi) hanno dato assolutamente il meglio di sé, e quindi per estensione il meglio dell'action-RPG suddiviso in aree semi-aperte, il nuovo baby di Spiders non può sicuramente aggiungere nulla al genere. Perché non solo il suo budget iniziale non gli permette di andare dove vuole lo studio, ma soprattutto viene da chiedersi se gli sviluppatori in questione ne abbiano solo le capacità. Fortunatamente, e questo è ciò che vogliamo sottolineare, The Technomancer ha un sistema di combattimento molto divertente. Infatti, non c'è bisogno di specializzarsi in nulla, tutti saranno alloggiati nella stessa barca e potranno alternare su richiesta 3 stili di posture: il Guerriero (che brandisce il bastone stile Nightwing), il Rogue (che brandisce la pistola in una mano, e il pugnale avvelenato nell'altra), così come il guardiano (una mazza o un martello in una mano, uno scudo nell'altra).




Tutto va molto bene e, come ti abbiamo detto sopra, cambiamo molto rapidamente / facilmente nel bel mezzo di un combattimento. Non sarà troppo vista la relativa difficoltà degli scontri in questione. Che sia contro i piccoli scioperi a Chinatown, mafiosi pesantemente armati o anche contro creature intergalattiche, dovrai assolutamente stare attento a tutte le tue azioni se non vuoi finire in un hot dog marziano! Come un Dark Souls (o un Bound by Flame, quindi), schivare sarà il tuo più grande alleato. Senza di essa, la morte è assicurata. Sta a te, quindi, gestire i tuoi tempi, le tue abilità tecnomantiche (l'amore a prima vista non è mai stato così giustamente chiamato qui), le tue pozioni curative, il tuo equipaggiamento (è disponibile anche un sistema di creazione tramite laboratori), ma anche il tuo compagni di squadra. Sì perché, nel caso tu non lo sapessi, nello spazio nessuno può sentirti urlare! E anche se questa tirata, te lo garantiamo, fosse un po 'telefonata, sarà comunque fondamentale vegliare sui tuoi compagni. Cinque colleghi saranno infatti a disposizione nell'avventura, ed è tua responsabilità vestirli ... beh, in ogni caso equipaggiarli. Non trascurare questo aspetto, né il fatto di dare loro ordini in combattimento (posizione neutrale, offensiva o difensiva), altrimenti chiaramente non durerai a lungo su questo pianeta ostile!

Il Technomancer offre quindi una sfida difficile, anche interessante quando si tratta di combattere e raccogliere punti XP instancabilmente. Nota anche che il gioco non impone alcun limite di livellamento. Un buon punto quindi, per i più determinati di voi. Una buona idea sicuramente, ma ancora una volta rovinata da tutto il resto. Il gioco viene rilasciato sul mercato senza alcuna finitura (non possiamo nemmeno immaginare a cosa avremmo avuto diritto prima della patch 1.01, che è disponibile da diverse settimane) e alla fine sembra più una versione beta che altro. Il doppiaggio inglese (l'unico presente, ricordiamolo) è talmente esagerato che si arriverebbe quasi a saltare il dialogo, già infinito di per sé. Mentre le missioni sono collegate e sono uguali, senza mai essere intelligenti, anzi interessanti. Inoltre, i bug ma anche i tempi di caricamento incredibilmente lunghi tra ciascuna zona sono riusciti a finirci. Solo la musica può suonare in tono la maggior parte del tempo, e questo è già enorme di per sé quando vedi il casino che alla fine è The Technomancer in modo olistico. Come lo scenario del gioco, non ci crediamo per un solo secondo, o comunque non ci crediamo più ... Scommettiamo che Spiders saprà prendere decisioni migliori in futuro.

VERDETTO: 4/10

Il quinto gioco originale dei parigini di Spiders, The Technomancer è sulla carta il culmine di un Mars: War Logs un po 'troppo ambizioso quando è stato rilasciato. Tuttavia, in pratica, l'ultima aggiunta allo studio francese è deludente su troppi punti, dal suo aspetto visivo alla sua parte sonora, compreso il suo aspetto tecnico di un'altra epoca. Tuttavia, il gioco non è completamente privo di qualità, a cominciare dal suo sistema di combattimento piuttosto interessante, nonché dalla sua rispettabile durata.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE The Technomancer su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.