gamerslance.com

RECENSIONE Soul dei soldati di Saint Seiya su PS4

 

Un cult che è sopravvissuto ai secoli allo stesso modo di Dragon Ball Z, Saint Seiya è una di quelle licenze che hanno scosso l'infanzia di molti di noi, che siamo appassionati o meno della cultura giapponese. Arrivato nel famosissimo Club Dorothée alla fine degli anni Ottanta, l'animato ha saputo subito conquistare il suo pubblico. Da allora sono emersi diversi archi, spin-off e serie derivate. Senza dimenticare i vari giochi usciti su PS80 e PS2, senza riuscire a convincere i fan. Quindi, questa Anima dei Solidari riuscirà a risplendere con tutto il suo cosmo per spazzare via le delusioni dell'opera precedente?




Pegasus Fantasy

Se la serie di Masami Kurumada è una delle opere più riconosciute nel vasto mondo degli anime / manga, è chiaro che non ha mai potuto beneficiare di un trattamento preferenziale degno di questo nome durante lo sviluppo dei pochi giochi da lei partoriti. È una triste realtà, una sorta di fatalità, un destino riservato al 90% degli adattamenti videoludici dei fumetti giapponesi. Non siamo qui per affrontare la misteriosa maledizione (o la pigrizia degli sviluppatori / produttori) che incombe su questi titoli la cui mediocrità è pari solo ai commenti rave che abbelliscono le pompose campagne di marketing. Ma dato l'argomento discusso oggi, va ricordato che ci sono pochi adattamenti di qualità reale. Sarebbe molto difficile definire il perché e il come. Sfortunatamente, ci siamo subito resi conto che Saint Seiya Soldiers 'Soul stava giocando nel cortile di troppi titoli ...

Ebbene, in realtà dobbiamo qualificare il punto perché tanto vale dirlo subito, chiaramente non è tutto da buttare qui. Il gioco ha anche dei punti di forza seri, ma trascina dietro di sé i pesanti fantasmi dei giochi precedenti rilasciati su PS2 e PS3. Il gameplay, ad esempio, è una ripetizione di Saint Seiya Brave Soldiers che aveva lottato per convincere la sorella maggiore di PS4: un tocco di attacco medio, un tocco di attacco forte, un tocco per usare attacchi burst così come l'attacco Big Bang, un sistema di protezione / schivata e proiezioni. In parole povere, questo è un riassunto sciocco e sgradevole delle meccaniche di combattimento. Nonostante la sua banalità e mancanza di profondità, è comunque efficace e di facile apprendimento. Questa scelta è del tutto comprensibile se si tiene conto del fatto che l'adattamento videoludico di tale licenza deve essere accessibile al grande pubblico.





Gli attacchi del Big Bang danno luogo a simpatici filmati

L'argomento dell'accessibilità deve essere necessariamente una scusa valida per giustificare un gameplay che inizia a raccogliere polvere? Chiaramente no, e altre produzioni Bandai Namco lo hanno dimostrato in passato, come Jojo's Bizarre Adventure All Star Battle o la lunga serie di Naruto Ultimate Ninja Storm. Tuttavia, sarebbe quasi riuscito a trascrivere tutta l'intensità dei più grandi combattimenti tratti dalle avventure di Seiya e dei suoi amici. Quasi. Ciò senza contare sulla presenza di una telecamera un po 'dubbia che consente al giocatore di essere all'estremità dell'arena con la telecamera posizionata dietro la spalla dell'avversario. Deploriamo anche la grande rigidità nei movimenti dei cavalieri. Sia nei movimenti, come negli attacchi / contrattacchi, tutto manca di fluidità. Attenzione però a non confonderlo con il framerate, che regge perfettamente. E questo è il minimo che possiamo aspettarci su PS4, nonostante quello che vediamo troppo spesso nei titoli cross-gen ...

“Brucia il mio cosmo! "

Per quanto riguarda l'aspetto visivo, nessuna (buona) sorpresa con Soldiers 'Soul quindi, visto che sapevamo già cosa aspettarci grazie ai vari trailer svelati prima dell'uscita del gioco. Dove un titolo di tale portata dovrebbe brillare grazie al suo universo colorato, non riesce a far risaltare i luoghi straordinari creati da Kurumada. Ed è un peccato perché gli scontri avrebbero potuto guadagnare in immersione. Al massimo amichevole, poca attenzione sarà riservata agli stage, troppo spogli, vuoti e privi di precisione.

 

L'osservazione è leggermente diversa per quanto riguarda i personaggi e la loro armatura. L'aspetto cel-shading utilizzato per la modellazione dei protagonisti risalta perfettamente e conferisce un aspetto molto vicino al cartone animato. Possiamo biasimarlo per una mancanza di finezza, ma il tutto rimane accettabile. Per quanto riguarda le armature, brillano brillantemente e risparmiano un risultato piuttosto mediocre. Nulla di eccezionale nei fatti ma la gestione delle riflessioni è relativamente ben assicurata, che offre una resa rilevante e che non ci ha scioccato più di tanto. Dobbiamo ammettere che quando giochiamo con un cavaliere d'oro, pensiamo subito ai sublimi Myth Cloths, queste statuine adorate dagli appassionati e che sublimano collezioni di ogni genere.




Il gioco offre una miriade di modalità di gioco, come nel caso di Brave Soldiers e titoli precedenti, ma ovviamente quelle che hanno attirato la nostra attenzione sono state le modalità Legend of the Cosmos e Golden Battle. Il primo ripercorre gli eventi del Santuario, gli archi di Asgard, Poseidone e Ade attraverso combattimenti intervallati da cut-scene. Il secondo dovrebbe ripercorrere gli eventi di Saint Seiya Soul of God. Sfortunatamente, o la comunicazione non è il punto forte dei giapponesi, o gli sviluppatori si sono persi mentre stavano lavorando al gioco. In effetti, questa modalità consiste solo nel concatenare combattimenti giocando i cavalieri d'oro adornati con la loro armatura divina senza un accenno di narrazione . E la ciliegina sulla torta, per sfruttare questa modalità, dovrete acquistare delle torce in negozio. Una vera delusione.


In effetti, il gioco ha una durata relativamente lunga fintanto che vuoi sbloccare tutti gli elementi del gioco e ce n'è abbastanza per passare molte, molte ore sulla tua console. Altrimenti, una volta completati gli archi e provate le altre modalità, torneremo al titolo solo per affrontare i nostri amici, online o in locale. Soldiers 'Soul è l'archetipo del gioco pigro, il gioco che ci aspettiamo molto e che alla fine riesce a divertire solo a breve termine. Tuttavia, le buone idee sono sparse qua e là: il numero di personaggi giocabili è ampiamente soddisfacente (più di 70 protagonisti, tutti con diversi costumi), anche le arene sono numerose e la musica, sebbene non tratta dall'anime, si adatta perfettamente all'atmosfera. e dai un lato epico ai combattimenti. Ma ci vorrà di più perché i Cavalieri di Atena raggiungano l'eccellenza su console.




Verdetto: 6/10

La marea sembrava essere cambiata per questa serie purtroppo troppo poco rappresentata su console. Se a prima vista Saint Seiya Soldiers 'Soul sembra avere successo, ci accorgiamo subito, e con nostro sgomento che si tratta di uno di quei giochi privi di generosità dove appunto ce n'è abbastanza per offrire un gioco che soddisfi le aspettative dei fan. Simpatico nel suo gameplay, ti stanchi rapidamente della sua noiosa modalità Legend of the cosmos, punteggiata da scene tagliate che mancano di dinamismo e qualità. Ignoreremo la modalità Golden Battle, una totale mancanza di rispetto per i fan che stavano aspettando la possibilità di trovare lo scenario di Soul of God. Terremo comunque il gioco sotto il gomito per qualche rissa con gli amici, o per sbizzarrirci nel torneo intergalattico.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Soul dei soldati di Saint Seiya su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.