gamerslance.com

RECENSIONE Sherlock Holmes: The Devil's Daughter su PS4

 

Dal 2002, lo studio ucraino Frogwares propone circa ogni due anni un videogioco con Sherlock Holmes, il più famoso detective inglese creato da Sir Arthur Conan Doyle. Adattamenti che, accanto al cinema, alla televisione o anche ai fumetti, fanno durare il personaggio grazie ad avventure incredibili. Su PlayStation, due opere di successo hanno già visto la luce, ed è quindi in questa continuità che The Devil's Daughter pone le sue borse su PS4, come la prima produzione interamente pensata per le console attuali. Dopo un'anteprima durante la Paris Games Week e un test del controller in corso, è giunto il momento per PS4 di esprimere la sua conclusione.




Rinnovamento, mio ​​caro Watson

Bigben e Frogwares avevano annunciato il colore, questo Sherlock Holmes mira a rompere i codici precedentemente stabiliti nella serie. E non mentivano, poiché fin dall'inizio i clienti abituali saranno presto sorpresi di scoprire un nuovo look per l'investigatore privato e il suo eterno aiutante: uno è meno serio e altezzoso, mentre l'altro ricorda un certo Jude Law. Un ringiovanimento che segna il desiderio degli sviluppatori di raggiungere un pubblico più ampio, con il rischio di deludere chi amava riferirsi al lato “soap opera” delle vecchie figure. La scelta è tanto più marcata dal cambio dei doppiatori, che erano però già di qualità, in versione originale. Per fortuna i nuovi arrivati ​​assicurano il lavoro senza problemi e riescono a trascrivere brillantemente l'emozione dei personaggi di fantasia. Sarà comunque necessario cambiare la lingua della console per poterne beneficiare (una cattiva abitudine sempre così comune) visto che il titolo è automaticamente in francese. Ma se l'equivalente VF sembra meno naturale e quindi non è da privilegiare per l'atmosfera a nostro avviso, lo sforzo della sua presenza non può che essere accolto con favore.




Un nuovo look per una nuova vita?

Parliamo dell'atmosfera, una delle qualità crescenti delle versioni Frogwares. Del resto Sherlock Holmes non affascina solo per i suoi riflessi ma anche per il periodo storico in cui si evolve: l'era vittoriana. E non è con questo nuovo Sherlock Holmes che la Londra del XIX secolo cesserà di essere rappresentata. Il progresso delle attuali console da salotto consente agli artisti di respingere i vecchi limiti visivi, migliorando il motore grafico di Unreal Engine 3. Tra effetti di luce e trame più dettagliate (tranne che oltre l'arredamento), i fan saranno molto contenti. Senza essere lo schiaffo dell'anno, The Devil's Daughter è dominato e testimonia il coinvolgimento dei designer. Abbiamo anche notato meno problemi tecnici rispetto ai giochi precedenti, anche se non necessariamente assenti. La delusione si troverà soprattutto sul lato delle animazioni, sempre così rigide.

Visivamente, The Devil's Daughter ha fatto dei progressi piuttosto buoni


La libertà di movimento non deve essere da meno in questo episodio. Una delle novità molto apprezzabili di The Devil's Daughter è il fatto, sin dall'inizio, di poter andare oltre il proprio appartamento per passeggiare tranquillamente per Baker Street. Sherlock e / o Watson possono quindi chattare con i passanti, accedere a Scotland Yard a piedi e persino prendere parte a piccoli, piacevoli, anche se aneddotici, minigiochi (freccette, tiro a segno, boxe, ecc.). Una bella caratteristica che rafforza il coinvolgimento del giocatore e richiama l'idea di Assassin's Creed: Syndicate.




Azione, mia cara Katelyn

Come l'ottimo Crimes & Punishments, The Devil's Daughter è diviso in cinque indagini indipendenti intervallate da una trama attorno alla figlia adottiva di Sherlock: Katelyn. Di quest'ultimo si è già parlato durante il Testamento di Sherlock Holmes, uscito in particolare su PS3, la cui fine è oggetto di litigi in questa storia. Come se non fosse già abbastanza tormentato, Sherlock assiste all'arrivo di una nuova vicina, Alice De'Bouvier, con un comportamento sospetto nei confronti del bambino. È quindi interessante vedere il rapporto caotico tra i protagonisti, con comportamenti opposti, e ottenere un approccio più personale rispetto alle semplici indagini. Tanti soggetti che non necessitano necessariamente di aver avviato prima l'altra opera, visto che viene spiegata la continuità dello scenario.

La figlia adottiva di Sherlock, Katelyn, riemerge in quest'opera

Il cuore dell'ultima iterazione della serie rimane ovviamente la passione principale di Sherlock, vale a dire i vari omicidi e sparizioni. Nella visuale in terza o in prima persona, le fasi di gioco di solito iniziano con una ricerca di indizi che possono far avanzare l'indagine, come una lettera nascosta o strappata. Grazie alla sua infallibile deduzione (una sorta di sesto senso), il nostro protagonista riesce a rilevare la minima impronta o crepa su un muro. Con l'aiuto di vecchi metodi e sostanze chimiche, nessun segreto può resistere a lungo davanti a lui. E lo stesso vale per i personaggi, che possono essere analizzati dalla testa ai piedi come Benedict Cumberbatch nella serie TV. Questa azione, introdotta in Crimes & Punishments, è pensata per essere più ampia poiché spetta al giocatore scegliere la sua detrazione in alcuni casi. Comprendi che un ritratto potrebbe ora essere incompleto, fornendo così meno indizi di quanto previsto nel suo taccuino.




Tra analisi e ricerca di indizi, il giocatore è un vero detective


Con i pezzi ammucchiati, è ora di agire letteralmente. Mentre eravamo soliti cercare e poi risolvere, The Devil's Daughter coinvolge molto di più il giocatore nelle sequenze animate. Sebbene non siano straordinari, o addirittura perfettibili a volte, questi momenti sono molto piacevoli e permettono di spezzare il ritmo lento delle indagini. Siamo rimasti sorpresi, ad esempio, di partecipare a un torneo di bowling su prato (un antico derivato del bowling)… o di praticare un esorcismo! Per una volta, Sherlock non è l'unica star del titolo - anche se il nostro test potrebbe suggerirlo - dal momento che Watson, Wiggins e persino il cane Toby sono giocabili in momenti diversi della trama. L'uso dei costumi è ora anche più logico che estetico (vestirsi da medico per infiltrarsi in un ospedale, da bandito per un bar, ecc.).

Il gioco presenta molte più scene d'azione rispetto a prima


Conclusioni, mio ​​caro Lestrade

Più discreti che nel Testamento di Sherlock Holmes, gli enigmi non sono meno presenti, con la loro parte di originalità. Oltre al tradizionale lockpicking, i puzzle variano tra la riparazione di un meccanismo o, ad esempio, l'attivazione di una cassa. Il corso del gioco è pensato per essere divertente, sebbene la maggior parte degli enigmi non sia estremamente complicata. Le più difficili in realtà derivano più da una preoccupazione per la comprensione che da una vera sfida. Ma chi ha difficoltà a risolvere alcuni enigmi può superarli con una semplice pressione sul touchpad (a rischio di non ottenere il trofeo corrispondente). Un processo - anche questo - interventista che sconsigliamo per valorizzare al meglio il titolo.

Alcuni puzzle sono vari e semplici, altri mal messi insieme


Verso la fine del suo studio, Sherlock può maneggiare tutti gli indizi per trarre possibili conclusioni sul presunto colpevole del caso. Facendo il collegamento tra due fatti, si forma una “palla” di detrazione, dove il giocatore dovrà scegliere il risultato più logico secondo lui. È quindi del tutto possibile arrivare a una falsa accusa, non prestando sufficiente attenzione ai vari dettagli raccolti. Fortunatamente, lo studio dà la possibilità di sbagliare: premendo un pulsante, l'ultima scelta diventa verde o rossa, quindi chiede una convalida finale o un rollback prima del capitolo successivo. Al di là di questa scoperta, dovrai anche decidere di condannare o assolvere l'interessato. Una decisione che dipende interamente dal movente del crimine.

VERDETTO: 8/10

Sherlock Holmes: The Devil's Daughter è una grande sorpresa e un esempio da seguire per alcuni studi in termini di coinvolgimento. Bisogna ammetterlo, l'ultimo titolo del celebre detective resta molto perfettibile, soprattutto per quanto riguarda la sua difficoltà a volte mal dosata, la rigidità delle animazioni e un VF poco naturale. Ma è anche un'opera che cerca di distinguersi dai suoi predecessori, scommettendo di offrire un nuovo look, molta più libertà, oltre a un gameplay molto più ritmico. Mentre alcune scelte non piaceranno a tutti, i detective in erba della prima e dell'ultima ora potranno accontentarsi qui con indagini accattivanti, il tutto in un ambiente vittoriano come sempre affascinante.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Sherlock Holmes: The Devil's Daughter su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.