gamerslance.com

RECENSIONE Shadow of the Beast su PS4

 

Sviluppato da Reflections e pubblicato da Psygnosis nel 1989, Shadow of the Beast ha contribuito al periodo di massimo splendore di Amiga. In effetti, il titolo è stato un vero successo di critica, considerato una delle più belle imprese raggiunte durante l'era delle macchine a 16 bit. Risulterà quindi in non meno di 10 port, tutti inferiori alla versione Amiga, ma che tuttavia hanno beneficiato di aggiustamenti che gli hanno permesso di essere un po 'più accessibile ai giocatori, essendo il gioco rinomato per offrire una sfida considerevole. Sono nate due suite, prima che la licenza sprofondasse nell'oblio. Fino alla Gamescom 2013, durante la quale Sony ha svelato il riavvio di questo gioco cult su PS4, suscitando entusiasmo tra i giocatori nostalgici e curiosità tra i neofiti. 




Riavvio della bestia

I riavvii sono diventati un luogo comune, conosci la canzone. Ormai si mangia in tutte le salse, passano tutte le licenze, dalle più cult alle più dimenticate, come avviene oggi. C'è da dire che se Shadow of the Beast è stato, quando è stato rilasciato, un successo di critica, pochi giocatori con una PS4 possono vantarsi di aver giocato al titolo originale. È quindi l'occasione per la licenza di tornare sul palco e per il grande pubblico di conoscere questo antieroe che è Aarbron. Tuttavia, dopo molti rinvii, c'era motivo di chiedersi la qualità di questo riavvio. State tranquilli, l'attesa è valsa la pena.

Ovviamente, gli sviluppatori di Heavy Spectrum Entertainment Labs volevano perfezionare il loro titolo nel miglior modo possibile. Una decisione comprensibile, visto che si tratta del più grande progetto dello studio fino ad oggi, dopo due titoli usciti su PSN e riservati a PS VITA. È anche sorprendente vedere con quanta facilità sono riusciti a passare da titoli minori a una delle esclusive PS4 dell'anno. Tanto più che gli occhi rivolti all'Ombra della Bestia sono sempre più numerosi, e questo è comprensibile. Il gioco ha il pesante carico di offrire un reboot degno dell'originale, pur offrendo un gameplay aggiornato e rivisto apposta per l'occasione, senza tralasciare la grafica che deve ovviamente concordare con gli standard attuali per attrarre giocatori meno attenti sulle qualità intrinseche del giochi che acquisiscono.




La fotocamera dinamica offre scatti di successo, anche se è difficile distinguere Aarbron

Bestia di sangue

Se entriamo nell'avventura nel complesso abbastanza facilmente, il gameplay si evolve e si espande gradualmente per offrire più scelta negli scontri. Un fatto importante, perché il vecchio stile beat'em all side di Shadow of the Beast può conferirgli una certa ripetitività, a patto che non siamo abituati a questo genere avendo raggiunto l'apice delle console a 16 bit. Tuttavia, il gioco non riguarda solo andare avanti e nascondere i pulsanti del nostro povero DualShock 4 per far piovere emoglobina nei diversi ambienti che dovremo visitare. Inoltre, ed è un po 'sorprendente all'inizio, il gioco non distilla realmente i nemici attraverso i livelli ma propone ondate di nemici, chiamati “incontri”, in punti definiti. I portali che consentono ai mostri di apparire ti bloccheranno la strada e dovrai eliminarli tutti per continuare i tuoi progressi.

Ogni incontro risulterà in un punteggio, così come una medaglia assegnata in base a questo punteggio e ai punti vita persi durante il combattimento. Il modo in cui usi le abilità di Aarbron determina notevolmente il punteggio, ma devi anche stare attento a mantenere il moltiplicatore al massimo per ottenere il miglior punteggio possibile. Poiché ogni colpo ricevuto annulla l'attuale moltiplicatore, dobbiamo gestire con coraggio i nostri attacchi e attacchi speciali, ma anche tiri e blocchi. Il blocco sarà anche una delle azioni essenziali da padroneggiare dall'inizio perché una volta che riesci a bloccare la maggior parte dei colpi, è più facilmente possibile ottenere combo impressionanti.



A parte l'azione frenetica dei combattimenti, i livelli offrono vari piccoli enigmi, che si risolvono senza alcun problema ma riescono comunque a spezzare l'aspetto monotono di un beat'em all tradizionale. Faranno parte del gioco anche alcuni piccoli passaggi nel più puro stile dei platform a 16 bit, e avremmo gradito attraversare un po 'di più, per sfruttare la capacità del nostro antieroe di scalare i muri con i suoi artigli. , tra gli altri. C'è da dire che il level design è riuscito e supportato da una direzione artistica di qualità, direttamente ispirata all'opera rilasciata su Amiga. Se questo riavvio non è visivamente straordinario, è comunque piacevole alla vista. Certi ambienti sono ovviamente migliori di altri, ma la diversità dei luoghi visitati permette di riaccendere l'interesse ad ogni stage. Il bestiario si rinnova tanto quanto le decorazioni e offre capi carismatici. Sebbene gli scontri contro questi ultimi siano un po 'semplicistici nel loro svolgimento, non si limitano alle catene di QTE.



Rilascia la bestia

Quando lanciamo Shadow of the Beast, cadiamo direttamente sulla mappa che rappresenta l'hub principale del gioco. Troviamo il percorso tracciato dai diversi livelli (7 in numero) così come il percorso tracciato da brevi video sbloccati al momento progresso e che svelano la storia. Questo è probabilmente l'aspetto più strano del gioco, eppure funziona perfettamente. I giocatori che vorranno scoprire i più piccoli dettagli dello scenario potranno scavare la cosa ed essere informati leggendo le schede dei personaggi, mentre gli altri potranno precipitarsi a capofitto senza essere disturbati da cutscene troppo invasive.


Sempre da questa mappa, puoi accedere alla schermata che ti permette di migliorare l'albero delle abilità, acquistare talismani - che equipaggia al lancio di ogni livello -, illustrazioni e altri bonus come il gioco originale o la colonna sonora del gioco su Amiga . È qui che il punteggio ottenuto per ogni fase completata diventa utile, poiché viene convertito in Mana, permettendoti di acquistare quello che vogliamo. Basti pensare che bisognerà fare e rifare più volte tutti i mondi che compongono la mappa se vogliamo completare il gioco al 100%.

I capi sono carismatici, come il bestiario.

All'inizio di ogni livello sono disponibili solo 2 modalità di difficoltà. Non prendere in considerazione la modalità facile, poiché la modalità normale non dovrebbe già esserti di resistenza. In effetti, ad ogni morte ti vengono offerte 3 opzioni: divorare un'anima innocente, usare un elisir o riavviare il livello. Gli elisir dovrebbero essere conservati per l'impostazione di difficoltà più alta, e sarebbe sciocco sprecare questi oggetti quando puoi divorare le anime all'infinito. La modalità Bestia diventa disponibile una volta completato un livello in modalità normale, e le cose si complicano un po ', poiché è possibile utilizzare un elisir solo se non si desidera iniziare un livello dall'inizio. Basti pensare che la sfida è subito più interessante. Peccato che i tempi di caricamento siano così lunghi, quasi rovineremmo la voglia di fare e rifare i nostri livelli preferiti per ottenere il finale alternativo.



Come il titolo originale, Shadow of the Beast è un gioco breve. Attendere circa 2 o 3 ore per una prima corsa. È certamente breve, ma il gioco ha una rigiocabilità abbastanza significativa. Innanzitutto, sebbene siano pochi in numero, i diversi dialoghi del gioco sono codificati e sarà necessario sbloccare le lingue delle diverse razze che si rivolgeranno ad Aarbron durante la sua avventura per ottenere i sottotitoli. Inoltre, ogni livello ha la sua quota di oggetti nascosti e incontri segreti. Aggiungilo all'aspetto importante del punteggio del gioco e puoi facilmente raddoppiare la vita del gioco. Finché rimani fedele al titolo, dovresti tornare con piacere, solo per rompere i punteggi dei tuoi amici, o divorare i loro anime.

Verdetto: 7/10

Scommessa di successo per gli sviluppatori di Heavy Spectrum sulle cui spalle poggiava una macchia pesante. Resuscitare una licenza cult non è alla portata di tutti, soprattutto quando deve essere modernizzata. Se il gioco mostra ambienti diversi e un design dei livelli ispirato, il suo gameplay non è da meno e offre una profondità sufficiente per offrire scontri dinamici. Nostalgici come i neofiti troveranno il loro piacere in questo riavvio, soprattutto perché contiene il primo Shadow of the Beast emulato nella sua versione Amiga. Ci auguriamo che il successo commerciale ci sia, in modo da motivare gli sviluppatori a proporre un remake delle altre due parti della serie.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Shadow of the Beast su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.