gamerslance.com

RECENSIONE Salt and Sanctuary su PS4

 

Dopo il successo della licenza Dark Souls sviluppata da From Software, molti sviluppatori hanno voluto reinterpretare il concetto a modo loro, ma pochi di loro sono riusciti davvero a capire cosa rende questi giochi così riusciti. Fu allora che un team di due sviluppatori, armati di coraggio, volontà e soprattutto know-how, intraprese l'esperienza di creare un Dark Souls in 2D, riprendendo anche le basi di un Castlevania: Symphony of the Night. La domanda da porsi, in un contesto in cui la maggior parte dei giochi si assomigliano, indie o AAA, è se gli sviluppatori siano riusciti a iniettare abbastanza anima, sale e talento in Salt e Sanctuary.per sbarazzarsi del prestito dei due giganti. che passano il mouse sopra il loro titolo. La risposta, te la forniremo in questo test.




Sale per la mia anima

Salt and Sanctuary, fin dai suoi primi momenti, farà sentire i fan di Dark Souls su un terreno familiare, sia l'interfaccia che il concept dei due giochi sono simili, se non identici. Possibilità di equipaggiare la tua spada con una o due mani, protezione dietro uno scudo, sistema di parata, barre della vita e della resistenza, rotoli, morti brutali e ridondanti che costringeranno il giocatore ad andare a recuperare il suo sale, gli XP del gioco, sul creatura che lo ha sconfitto: c'è tutto perché chi è abituato alla licenza di Miyazaki (ndr: creatore della saga di Souls) si senta a suo agio. Un'originalità però, non è dopo ogni morte che la tua vita massima sarà ridotta, ma più danni riceverai, rendendo così i checkpoint ancora più preziosi, poiché è solo con loro che possiamo recuperare tutta la sua vita. Questo principio si applica anche alla resistenza, che vedrà il suo potenziale massimo diminuire quando tocchi, proteggi o rotoli per schivare i tuoi nemici. Fortunatamente, Salt and Sanctuary non è avaro nei checkpoint poiché gli sviluppatori hanno avuto la buona idea di disseminarli in tutto il gioco.




Questi punti di controllo sono disponibili in due forme. Le prime sono semplici candele che ti permetteranno di reintegrare le tue pozioni e la tua salute. Gli altri sono quelli che vengono chiamati santuari. Questi santuari, oltre a ripristinarti completamente, ti consentono di spendere il sale sudato per far salire di livello il tuo personaggio, ma anche di acquisire nuove abilità attraverso un imponente ... e leggermente disordinato albero delle abilità.

Inoltre, durante il tuo viaggio, raccoglierai statue che verranno utilizzate in questi santuari per generare mercanti, alchimisti, fabbri e altri teletrasporti. Like a Souls, il gioco non include alcun tutorial per spiegare come funziona il tutto, e starà a te sporcarti le mani parlando con gli NPC e allo stesso tempo scoprendo le opzioni che offrono., Come la possibilità con il "boss" per aumentare le tue pozioni massime. Questo aspetto del gioco a volte rende i tuoi progressi piuttosto nebulosi, soprattutto perché il gioco soffre di una deplorevole traduzione francese, realizzata con Google Translate (Vero!). Se poi provi a giocare in francese, la storia del gioco non avrà alcun senso per te, e nemmeno le spiegazioni degli NPC. Ti consigliamo quindi di passare alla tua console in inglese, in modo che il gioco sia in versione originale e diventi più comprensibile, purché la lingua di Shakespeare ti sia almeno familiare.

Cavaliere in soccorso

Il modo in cui inizia la tua avventura è un classico dei videogiochi. Una volta creato il tuo personaggio (sesso, acconciatura, barba, tatuaggio, origine, classe e oggetto unico scelto), ti ritrovi su una barca che viene attaccata dai pirati con l'obiettivo di rapire la principessa di cui sei responsabile. Un mostro si avvicina quindi alla barca e la affonda. Ti sveglierai quindi su un'isola misteriosa, il luogo in cui si svolgerà la tua avventura. L'inizio è quindi banale, ed è chiaramente solo un pretesto per farti esplorare l'isola, alla ricerca dei minimi segreti e delle informazioni che ti permetteranno di ritrovare la detta principessa. Come un Dark Souls, incontrerai diversi NPC che hanno bisogno di aiuto con una ricerca personale. Sta a te decidere se vuoi aiutarli o no. Il gioco fa eco alle sue fonti di ispirazione aggiungendo elementi importanti alla descrizione degli oggetti per saperne di più sullo sfondo, consentendo ai giocatori di saperne di più sulle divinità locali e sugli eventi che hanno avuto luogo prima del nostro arrivo.




I tuoi progressi saranno disseminati di insidie, boss e backtracking. Il gioco è composto da diverse aree piene di trappole e nemici, spesso con un boss alla fine della strada che ti aspetta. Man mano che il gioco procede, il bestiario acquisisce intensità e difficoltà. Mentre i semplici soldati scheletro all'inizio del gioco non ti daranno molti problemi, i nemici, proprio come te, saranno molto più forti man mano che avanzi e ti costringeranno a trovare la giusta strategia per ucciderli. La strategia giusta abbastanza spesso consiste nel passare dietro di loro al momento giusto per assestare loro un colpo. I più audaci useranno la parata, che è estremamente efficace e, soprattutto, estremamente divertente in quanto l'animazione è ben fatta e la sensazione del joystick è ben trascritta. Gli sviluppatori hanno anche approfittato dell'ambiente 2D del gioco per aggiungere a un bestiario già subdolo, maghi e mostri volanti. Tutto qui è stato messo a punto per rallentare i tuoi progressi, ma il gioco sa anche essere corretto, nascondendo spesso i checkpoint appena prima dei boss. I capi hanno per la maggior parte un vero successo, sia nel loro design che nel loro modello. Spesso sarà necessario imparare dai tuoi fallimenti e dalle tue morti prima di poter sconfiggere questi nemici. Molti di loro ti spingeranno al limite e ogni vittoria ti darà un senso di realizzazione e una sicura scarica di adrenalina. È un peccato, tuttavia, che alcuni capi siano dietro ad altri, colpa di una mancanza di carisma e di schemi troppo complessi.


Labirinto e scorciatoie

Nell'introduzione vi abbiamo parlato di Castlevania: Symphony of the Night, ed è soprattutto nel level design e nel backtracking che riconosciamo questa influenza. Le aree che compongono il gioco sono chiaramente labirintiche e ti sentirai presto perso. Dovrai imparare velocemente i livelli per non avere l'impressione di andare in tondo, soprattutto perché tutte le zone sono spesso collegate tra loro da scorciatoie che rendono più facile tornare in ogni sezione dell'isola, e questo, oltre a il teletrasporto presente al santuario. Inoltre, alcuni NPC incontrati durante il tuo viaggio contrassegneranno il tuo palmo con un glifo, garantendoti determinati poteri come la capacità di rimbalzare sui muri o persino di invertire la gravità. Così, il gioco ti invita con ogni nuovo potere scoperto, a tornare indietro per trovare nuovi percorsi, santuari o tesori. Tutto ciò rafforza l'esplorazione del gioco e rende Salt and Sanctuary un punto di riferimento nel level design.



Ma se anche il level design funziona, il gioco lo deve anche alla sua direzione artistica di maggior successo ... se sfortunatamente eccettiamo il character design (nota che potrai equipaggiare rapidamente il tuo eroe con un elmo per nascondere questo difetto) . I luoghi visitati durante l'avventura sono numerosi, e anche se si può dare la colpa a una certa ridondanza nella costruzione dei livelli, ogni zona beneficia di un aspetto curato. Cammineremo attraverso segrete e altre stanze di tortura particolarmente malsane e cupe, grotte appiccicose, foreste cupe e castelli macabri. La colonna sonora del gioco è piuttosto attenuata, ma rafforza l'aspetto pesante dei livelli con l'aggiunta di riff di chitarra elettrica overdrive. Tuttavia, ci dispiace l'assenza di un vero momento clou durante i combattimenti contro i boss, poiché spesso è la stessa musica che verrà utilizzata.

Ancora e ancora e ancora

La durata del gioco può essere abbastanza casuale, poiché tutto dipenderà dalla tua affinità con questo tipo di giochi. Ma puoi contare tra le 25 e le 30 ore per un giocatore medio. Un esperto di questo tipo di gioco impiegherà sicuramente circa quindici ore per vedere la fine della sua avventura. Tuttavia, il gioco ti invita a creare nuovi personaggi, poiché il gameplay si evolve in base alla classe scelta. Un mago non combatterà mai come un cavaliere nascosto dietro il suo scudo. E come Dark Souls, il gioco offre un sistema NG + pensato per i più avventurosi.

Verdetto: 9/10

Sviluppato da un team di due persone, Salt and Sanctuary si rivela una grande sorpresa. Se il gioco delizierà senza dubbio i fan di Dark Souls, quest'ultimo riesce a sbarazzarsi del suo modello e si tira chiaramente fuori dal gioco grazie a un level design pulito, un tocco artistico di qualità, una costruzione dell'avventura tra i capelli e una rigiocabilità a prova di errore. In considerazione del suo prezzo (17,99 €), il gioco soddisfa completamente le sue specifiche e diventa facilmente un elemento essenziale su PlayStation 4.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Salt and Sanctuary su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.