gamerslance.com

RECENSIONE Homefront: The Revolution su PS4

 

Dopo un deludente primo Homefront firmato Kaos Studio e THQ nel 2011, sono i ragazzi di Dambuster Studios e Deep Silver che stanno resuscitando la licenza oggi su PS4, Xbox One e PC. Homefront: The Revolution fa così da sfondo alla prima opera e ha il pesante compito di lavare il nome della licenza pena la caduta nel completo oblio. Sulla strada per Filadelfia.

Il sogno americano

Come abbiamo visto per tutta la campagna promozionale del gioco, ma anche attraverso il filmato introduttivo, Homefront: The Revolution si basa su uno scenario a prima vista lavorato. APEX è un'azienda nordcoreana a cui dobbiamo il primo computer nel 1975, l'A-Pad, o A-Phone, e che regna sovrana nel campo della tecnologia. Capirai immediatamente a quale società molto reale nel nostro mondo si riferisce quest'ultima. Tranne che in Homefront, APEX ha intrapreso gli armamenti e tiene sotto controllo finanziariamente gli Stati Uniti. Incapace di ripagare il proprio debito, il Paese viene invaso e occupato dai soldati dell'APC, giunti dalla Corea e armati fino ai denti. Dopo 4 anni di occupazione, la rivoluzione è organizzata ma rimane molto debole di fronte alle tecnologie nemiche che costringono la popolazione a sottomettersi. Come giovane recluta della resistenza a Filadelfia, sarai presto chiamato a trovare le tracce di Ben Walker, la figura della protesta che potrebbe riuscire a rovesciare il potere ma che è nelle mani dell'occupante.





Le missioni sceneggiate ti portano quindi nei diversi quartieri di Filadelfia, suddivisi in aree colorate. Innanzitutto le zone gialle sono occupate da moltissimi americani che vivono nella paura, ma in cui ci si può muovere abbastanza liberamente. Le zone rosse sono più devastate e totalmente sorvegliate, con tanti soldati, pattuglie e droni che non esitano a sparare a vista se estrai la tua arma o se ci passi troppo vicino, visto che la tua faccia è nota. Infine, le zone verdi sono le fortezze dell'APC e saranno accessibili solo dopo aver preso il controllo delle zone precedenti.




La modalità Resistenza ti consente di giocare in collaborazione con un massimo di 4 amici o sconosciuti in missioni basate sulla trama principale. Accogliamo con favore la proposta anche se procediamo abbastanza rapidamente.

Ribelle

Se vuoi progredire nell'avventura e sbloccare nuove missioni, dovrai riuscire a trasformare la popolazione contro il suo oppressore. Nelle zone gialle e rosse ti viene data una certa percentuale di sostegno da parte della popolazione. Per aumentarlo, sono possibili vari mezzi come la piratazione molto sommaria di trasmettitori, lo scollegamento delle apparecchiature, il salvataggio di ostaggi o anche l'attacco delle pattuglie. Elementi vari ma niente di nuovo rispetto a ciò che possono offrire altri giochi open world. Soprattutto perché una volta che i tuoi nemici sono in allerta, ti travolgeranno con una forza d'urto molto maggiore della tua, data la tua salute piuttosto fragile. Altre volte, dovrai solo trovarti un posto piuttosto sicuro e aspettare che la disastrosa IA lanci i soldati uno per uno nella tua posizione. Per quanto riguarda ancora l'IA, nelle zone rosse, basterà stare alle spalle di un civile o mettersi a correre per il livello di sfiducia della guardia o la telecamera scende a zero. Abbiamo visto di meglio.

Un buon punto, però, riguarda l'arsenale del gioco, quest'ultimo piuttosto vario, soprattutto per quanto riguarda gli esplosivi che si possono comandare a distanza o addirittura salire su un'auto telecomandata per far saltare in aria un blindato nemico. Gli strumenti di hacking consentono inoltre di aprire portali normalmente chiusi o di rivolgere temporaneamente i droni e le torrette APC contro i propri utenti. Ogni arma è
inoltre facilmente modificabile a piacimento grazie all'acquisto di kit in tutti i nascondigli e quartieri liberati. Infine, strumenti diversivi consentono di liberare un file passaggio custodito in maniera abbastanza agevole, sempre grazie all'AI che ti aiuta molto. In caso di difficoltà nel liberare un punto, è possibile reclutare un resistente al tuo fianco. Non aspettatevi però molto da quest'ultimo visto che sarà di totale inutilità, soprattutto quando non potrà seguirvi. Per spostarsi tra i diversi quartieri, collegati tra loro da passaggi nella metropolitana, gli sviluppatori hanno deciso di integrare motociclette che possono anche consentire di accedere a determinati punti grazie a trampolini ben posizionati. Una buona idea ma che alla fine fatica a convincere, perché è così complicato gestirle in modo efficace. Un raggio di sterzata troppo ampio, strade piene di insidie ​​e un campo visivo limitato ti porteranno spesso a usare i piedi piuttosto che le due ruote.





Impara a prenderti il ​​tuo tempo

Dopo due ore di gioco e una mappa completamente vuota che non indicava gli obiettivi, siamo stati costretti a disinstallare e reinstallare il gioco.Se questa azione è riuscita a risolvere questo problema, non ha cambiato nulla nei tanti rallentamenti e altri bug riscontrati. Rallentamenti che si aggiungono ai blocchi che avvengono per uno o due secondi ogni volta che il gioco viene salvato automaticamente, purtroppo è impossibile disattivarli e quindi sfuggirli su PS4. Aggiungi a questi carichi molto lunghi e la tua pazienza sarà tesa. Da parte nostra, non abbiamo nemmeno avuto il coraggio di completare il gioco fino al suo epilogo prima di scrivere questo test. Anche dalla parte degli insetti, il gioco ne è pieno e talvolta è ridicolo vedere un nemico sospeso per un piede in aria o un soldato alleato che attraversa un muretto o spara ai fantasmi.



Punti deboli che suonano un po 'uno spreco visto che è necessario riconoscere in questo Homefront: The Revolution, una grafica piuttosto corretta e uno scenario con un'atmosfera riuscita e immersiva, rafforzata da un piacevole ciclo giorno / notte.


Verdetto: 5/10

Con una trama promettente e un'atmosfera piuttosto di successo, Homefront: The Revolution avrebbe potuto farla franca con almeno altri due punti se non fosse stato rovinato da molti bug e rallentamenti imperdonabili. Una settimana dopo l'uscita del gioco, la situazione è sempre la stessa nonostante un gioco in versione 1.03 e una nuova patch che stenta ad arrivare.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Homefront: The Revolution su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.