gamerslance.com

RECENSIONE Heavy Rain su PS4

 

Pubblicato originariamente su PS3, Heavy Rain è un thriller sviluppato da Quantic Dream e diretto da David Cage. Questa storia ti farà vivere una vera corsa contro il tempo per cercare di risolvere l'enigma dell'assassino dell'origami. Lo studio francese è noto per i suoi giochi che potrebbero essere descritti come film interattivi e che hanno già attirato un buon numero di giocatori. Dopo un porting di successo di Beyond: Two Souls lo scorso novembre, viene da chiedersi cosa ci riserva Heavy Rain su PS4.




Shauuuunn !!! Shauuuuuu !!!

Ethan, un giovane padre di due figli, stava vivendo il perfetto sogno americano con sua moglie. Tutto sembrava funzionare per lui, eppure in un pomeriggio soleggiato è seguito un tragico dramma familiare. Suo figlio Jason muore in un tragico incidente stradale. Distrutto e depresso, il padre non può più andare avanti, tutti i suoi sogni sono ormai svaniti. Oltre a ciò, un terribile serial killer di bambini dilaga in città e, come molti serial killer, questo psicopatico segue alla lettera il suo rituale per uccidere i bambini. Ciascuno dei suoi omicidi è firmato con un origami di carta, che gli è valso anche il soprannome di Origami Killer. Il prossimo obiettivo del nostro assassino non è altro che il secondo figlio di Ethan. Difficile dire di più sullo scenario a rischio di rovinare il divertimento di giocatori che non l'avrebbero fatto su PS3. In effetti, la risorsa principale di Heavy Rain risiede nei colpi di scena che punteggiano la storia, questi ultimi che ti fanno dubitare dell'identità dell'assassino fino alla fine.

Il titolo dello studio francese riprende alcuni codici dal loro precedente gioco Fahrenheit, dal momento che seguirete lo svolgersi della storia non attraverso un protagonista, ma diversi che saranno tutti più o meno strettamente legati al killer. Il primo è ovviamente Ethan, che farà di tutto per cercare di salvare suo figlio Shaun. Il prossimo è Scott Shelby, l'investigatore privato che è stato assunto dalla famiglia delle vittime nella speranza di trovare l'assassino. Il terzo personaggio controllabile è Norman Jayden, un investigatore dell'FBI molto professionale specializzato in inquietanti sparizioni. Infine, Madison Paige, una giornalista si è dimessa per smascherare il serial killer. Il gioco quindi ci porta da un punto di vista all'altro attraverso i diversi personaggi che percepiscono la storia a modo loro, lasciando più spazio ai dubbi. i quattro protagonisti saranno chiamati a incontrarsi e lavorare insieme. Un consiglio, evita di guardare la lista dei trofei per non risolvere velocemente il mistero del killer origami.




La storia, a differenza di Beyond: Two Souls, si snoda cronologicamente con a volte dei flashback che ci permettono di comprendere meglio gli atteggiamenti di ciascuno. Di conseguenza, ci rendiamo conto qui che David Cage sceglie di adottare processi cinematografici con diverse storie che convergono nello stesso punto con la rivelazione alla fine, un po 'come la saga di Saw.

Effetto farfalla

Heavy Rain ti chiederà durante le indagini di fare (spesso in fretta) scelte più o meno difficili da fare “moralmente”. Questo ha la conseguenza di essere più vicino al personaggio e quindi di essere maggiormente influenzato dal suo destino. Certo, le scelte saranno di fondamentale importanza poiché una cattiva decisione a volte può portare alla morte di uno dei protagonisti. Inoltre, il titolo dello studio Quantic Dream ha 18 finali diversi, il che la dice lunga sull'impatto delle tue scelte. Non esitate quindi ad iniziare un nuovo gioco per vedere i diversi esiti anche se questo è contrario all'idea del creatore David Cage, che preferisce che il gioco venga fatto una sola volta per non rompere “la magia”.


Il gameplay di Heavy Rain, proprio come Beyond: Two Souls o più recentemente Until Dawn, utilizza Quick Time Events (QTE) per eseguire un'azione. Heavy Rain mostra ancora una volta che il confine che a volte separa il videogioco dal film interattivo può essere quasi inesistente. Di fronte a questi tanti QTE, ti sentirai un po 'più nella pelle del personaggio, tuttavia niente panico se non riesci a eseguirli rapidamente e al 100%, poiché non ti bloccherà. Nel peggiore dei casi, ciò potrebbe causare la morte di un personaggio. Compatibile inizialmente con PS Move, il gioco nella sua versione PS4 ora utilizza il sensore di movimento (più sensibile) del Dualshock 4, evitando così di perdere alcune azioni a causa di una sensibilità difettosa. Tuttavia, i difficili QTE che richiedono la pressione simultanea di quattro o più tasti sono ancora presenti e si stanno ancora dimostrando altrettanto poco pratici e confortevoli. Un altro piccolo punto debole del titolo sta nella sua maneggevolezza: i movimenti dei personaggi sono lenti e poco intuitivi. Può sembrare frustrante durante scene particolarmente stressanti. Nota che ci sono tre livelli di difficoltà per QTE senza influire sul corso della storia o ottenere trofei.




Un portage di successo? 

Se Heavy Rain è riuscito a distinguersi quando è uscito su PS3 grazie alla sua grafica, non possiamo dire che il porting sia un vero successo a livello visivo. Anche se i filmati sono stati rielaborati nello stesso modo di Beyond: Two Souls, ma le fasi di gioco sembrano quasi identiche alla versione del 2010. Notate comunque che la profondità di campo è stata migliorata. Buon punto anche sulle emozioni che possiamo provare sui volti, queste ora sono molto dettagliate, ei primi piani delle cutscene sui personaggi ci fanno apprezzare di più il lavoro svolto, il suo è sublime. Offre ad ogni personaggio il proprio tema musicale e si adatta al suo stato d'animo. Lo studio Quantic Dream è noto per il suo modo di utilizzare il motion capture con attori noti per produrre i suoi giochi, e Heavy Rain non fa eccezione alla regola impiegando celebrità come Sam Douglas o Max Renaudin. Un successo, ancor più del doppiaggio perfettamente riuscito con le voci degli attori originali. Inoltre, il gioco ha sofferto su PS3 per una scarsa sincronizzazione dei dialoghi, ma lo studio sembra aver fatto il necessario per migliorarlo su questa versione PS4.



Infine, Heavy Rain ha anche beneficiato di una migliore risoluzione, passando da 720p a 1080p, e, come Beyond: Two Soûls, sfrutta questa nuova versione di un lavoro migliore fatto su ombre e illuminazione.

VERDETTO: 8/10

Heavy Rain è probabilmente uno dei thriller più avvincenti nella storia dei videogiochi. Investigherai per scoprire l'identità dell'assassino dell'origami e salverai Shaun. Il gioco si basa sulle emozioni per farti fare scelte difficili e si basa su uno scenario molto ben congegnato che manterrà il giocatore con il fiato sospeso fino alla fine. Tuttavia, il titolo mostra ancora debolezze nella gestione e risente dell'inutilità di alcuni QTE. Tuttavia, Heavy Rain rimane un'esperienza unica, un must per i giocatori che si sono persi il gioco quando è stato rilasciato su PS3.


Nota che è disponibile una versione in scatola, che riunisce Beyond: Two Souls e Heavy Rain.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Heavy Rain su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.