gamerslance.com

RECENSIONE Divinity: Original Sin - Enhanced Edition su PS4

 

Dopo un'acclamata versione per PC, è più di un anno dopo che Divinity: Original Sin si fa strada nel nostro salotto. Presente su PS4, Xbox One e sotto forma di aggiornamento gratuito su PC, questa edizione migliorata - o versione migliorata nel linguaggio di Molière - fa parte della miriade di rimasterizzazioni che investono le console di generazione attuale. Tuttavia, questo non è da ignorare: ricco di nuove funzionalità e migliorato sia in termini di interfaccia che di gameplay, ti porta, per alcuni ancora una volta, per un'avventura a lungo termine.




Quindi eccoti nel mondo di Rivellon, pochi millenni dopo gli eventi di Divinity: Dragon Commander. Per i neofiti, state tranquilli: sebbene siano una saga abbastanza lunga, non è essenziale aver interpretato altre Divinità prima di affrontare Original Sin. Solo pochi ammiccamenti si riferiranno agli altri titoli, ma la storia non apparirà confusa.

In questa opera, giochi nei panni di due Cacciatori della Sorgente il cui obiettivo è eliminare gli Stregoni, maghi corrotti dall'influenza dannosa della Sorgente, una potente forma di magia. Un obiettivo abbastanza semplice all'inizio, ma il tuo viaggio prenderà svolte inaspettate man mano che completi le tue missioni.

Riscalda i tuoi neuroni

Che sia per il principiante smarrito o per il veterano appassionato di sfide, sono disponibili nuove modalità di difficoltà per i giocatori. La prima, intitolata Explorer mode, corrisponde al livello facile e permette di godersi il gioco senza (troppo) preoccuparsi dei nemici. Non volendo usare incantesimi e oggetti, sarai in grado di sbarazzartene abbastanza rapidamente e concentrarti sull'avanzamento della trama. D'altra parte, la modalità Tattico sarà implacabile e punirà severamente qualsiasi errore di strategia, promettendo molti minuti di riflessione e molti salvataggi compulsivi.


La modalità Honor, introdotta anche in questa versione migliorata, corrisponde più o meno alla modalità hardcore di Diablo II e III. Simile al livello Tattico, tuttavia, in caso di sconfitta sarà disponibile un solo salvataggio ed eliminato. Difficoltà quindi destinata ai giocatori più spericolati.



Gli scontri inaspettati possono costarti caro!

Dalla difficoltà più semplice alla più difficile, sarà essenziale definire un minimo di strategia. Lontano dagli ultimi giochi di ruolo orientati all'azione in voga, Divinity: Original Sin è molto più di un Dungeon and Dragons che di The Witcher. Con un sistema a turni che renderebbe i nostalgici più vecchi e una gestione dei punti azione, costruire tanti piani sarà l'unica soluzione per sconfiggere i tuoi nemici. Difese, resistenze, elementi… Sarà necessario tenere a mente una buona quantità di informazioni durante la fase di combattimento, stando attenti al fuoco alleato onnipresente e impossibile da disattivare. Attento alle tue granate ... o ai tuoi amici.

In effetti, un'altra novità di questa versione migliorata: la possibilità di giocare in modalità cooperativa locale, in split screen. Un punto positivo (o meno, a seconda dell'indirizzo del tuo partner) che non solo farà rivivere alcuni ricordi, tanto che questa modalità è ormai dimenticata, ma rinnoverà senza dubbio l'esperienza. Dopotutto, ogni giocatore controllerà solo uno dei personaggi principali, diversificando il proprio carattere, le proprie ambizioni e l'evoluzione durante il gioco.

La modalità cooperativa è semplice e fluida

La personalizzazione è spinta fino alla fine

Divinity: Original Sin è uno di quei rari giochi che consente agli eroi che sono malleabili fino alla fine: sebbene offra statistiche e classi predefinite all'inizio del gioco, nulla ti impedirà di trasformare il tuo mago in un guerriero o il tuo arciere in un mago. Indeciso? Non è escluso creare un eroe con abilità ibride. Tutto è sotto il tuo controllo, ma questa personalizzazione completa e molto ampia può confondere i neofiti del genere.




Va detto, questo non è un gioco che ti terrà per mano. Certo, all'inizio della tua avventura sarà presente un tutorial per guidarti, ma poi niente. Senza molti consigli, sarà dopo aver creato e provato molti personaggi che troverai uno stile di gioco adatto a te. Inoltre, in gran parte senza un indicatore di missione, sarai in grado di posizionare solo pochi indicatori sulla mappa per facilitare la navigazione. Sarà quindi molto importante sfogliare le bolle di informazioni, i dialoghi, i libri e le pergamene su e giù per raccogliere tutte le informazioni che potrebbero aiutarti. Un lavoro di ricerca abbastanza lungo che attirerà alcuni giocatori in quanto ne spegnerà più di uno.

Le abilità dei personaggi sono flessibili a piacimento

In tutti i casi, l'avventura solitaria o cooperativa beneficia di un ottimo adattamento del controller. Intuitivo e facile da imparare, ci fa dimenticare, con la sua interfaccia completamente rielaborata, ogni dubbio che avremmo potuto avere sulla sua gestione. Le opzioni sono semplicemente presentate su due menu radiali: uno per selezionare il carattere da controllare, un altro per accedere al menu.

Una pioggia di miglioramenti

Molte altre nuove funzionalità, che puoi leggere qui (in inglese), sono state apportate anche alle versioni per console. Accogliamo favorevolmente, tra le altre cose, una migliore gestione dell'inventario. Abbastanza confuso e criticato nelle versioni precedenti del PC, questo è stato riprogettato in modo che non sia più così dispendioso in termini di tempo. I cosiddetti elementi importanti - chiavi o strumenti, ad esempio - verranno trasferiti direttamente tra i personaggi quando se ne presenterà la necessità, evitando così di navigare troppo spesso tra gli inventari.



Si nota anche un certo ribilanciamento: è stata rivista l'efficacia di gran parte degli attacchi. Ad esempio, per le abilità più potenti, sarà possibile lanciarle solo una volta per combattimento, mentre quelle più deboli avranno qualche vantaggio in più. Altri, ritenuti inutili o duplicati, sono stati semplicemente eliminati per lasciare spazio alla novità. Un vero e proprio cambio di combattimento che può disorientare i giocatori dalla prima ora, abituati ai loro incantesimi e alle loro tattiche.


Gli scontri complessi richiederanno molta riflessione

Non è solo il gameplay che è stato completamente ridisegnato per adattarsi alle versioni per console: anche gli autori hanno molto da dare. Certo, la storia principale rimane la stessa, ma con questa versione migliorata nasce un finale alternativo. Con esso segue anche una serie di nuove missioni e nuovi personaggi, alcuni dei quali semplificano la risoluzione di enigmi o offrono indizi molto preziosi.

In totale, queste piccole aggiunte, qua e là, prolungano il gioco di poche dozzine di ore, sapendo che il gioco base ha già goduto di una durata colossale. Ma chi si lamenterebbe? Nonostante alcuni bug - soprattutto nelle fasi di combattimento - l'immersione è totale. La colonna sonora, molto curata e di innegabile qualità, ritmica perfettamente le passeggiate nella foresta e gli epici scontri. La grafica, corrispondente più o meno ad una versione ultra per PC, ha beneficiato di un restyling discreto, ma più che soddisfacente. Passeggiare per il mondo di Rivellon è un vero piacere. Ci godiamo per ore i paesaggi marittimi o desertici, e ci stupiamo di apprezzare i dialoghi piuttosto lunghi, perché a parte il tocco di umorismo spesso presente e apprezzabile, sul doppiaggio è stato svolto un lavoro titanico.

Quindi, troverai alcuni doppiatori di talento nel gioco, come Alix Wilton Regan (Samantha Traynor di Mass Effect o Holly Cruz di Forza Horizon) o Alec Newman (Sebastien Vael di Dragon Age II o Jack di Assassin's Creed: Syndicate ).

VERDETTO: 9/10

Già molto buona quando viene rilasciata per PC, questa edizione migliorata di Divinity: Original Sin non solo corregge gli errori della vecchia versione (il crafting e la gestione dell'inventario non sono più così estenuanti), ma rinnova anche l'esperienza grazie alle sue poche migliaia di aggiunte. Tuttavia, Divinity: Original Sin rimane un gioco molto complesso per chi non lo sapesse e ci vorrà un po 'per abituarsi. Quest'ultimo verrà ben presto dimenticato a favore delle meraviglie che ci vengono offerte dal mondo di Rivellon, che, con una grafica rielaborata, ci incanterà per ore ed ore.

Con una durata di vita colossale, un'esperienza rinnovabile grazie ai personaggi completamente malleabili e alla sua ottima maneggevolezza, Larian Studio è riuscito con successo a lucidare la gemma grezza che Divinity: Orignal Sin era su PC. Possiamo solo congratularci con loro per il loro lavoro titanico e il loro attento ascolto ai fan.



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Divinity: Original Sin - Enhanced Edition su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.