gamerslance.com

RECENSIONE Crypt of the NecroDancer su PS4

 

Grande successo e stima su PC, Crypt of the NecroDancer è un gioco inizialmente pubblicato nell'aprile 2015 che ha permesso per la prima volta ai giocatori di essere avvicinati tramite un accesso anticipato. Il gioco ha attirato rapidamente l'attenzione della stampa e dei giocatori grazie al suo concept originale, volendo essere il mix perfetto tra il rogue-like nella vena di Binding of Isaac e un gioco ritmico. Per la versione PS4 e PS Vita, il port è stato fornito dallo studio spagnolo BlitWorks ed è disponibile dal 2 febbraio su PS Store in Cross Buy.




Signore e signori, benvenuti nella cripta

Crypt of the NecroDancer ti permette innanzitutto di giocare nei panni di Cadence, che è andato alla ricerca del padre scomparso nella cripta del NecroDancer. Ferita, si ritroverà poi imprigionata e il giocatore dovrà aiutarla a fuggire. Il maestro della cripta gli ruberà il cuore, costringendolo a muoversi esclusivamente al tempo delle canzoni. La storia è spiegata qui attraverso opere d'arte pixelate e ci permettono di saperne di più sulle motivazioni dei diversi personaggi che possiamo incarnare. Lo scenario qui è di base e la storia è solo un pretesto, uno sfondo, per un gioco con un gameplay avvincente e dominato. Che importa, visto che questo chiaramente non è l'obiettivo dello studio e non è per questo che torniamo facilmente al gioco.


Muoviti, balla, colpisci, muori, ricomincia

Da un punto di vista esterno, il gameplay del gioco può sembrare abbastanza semplice. Il tuo personaggio si muove quadrato per quadrato, mentre affronta una schiera di mostri, con difficoltà crescente per ogni zona. Dove il gioco si distingue da Binding of Isaac è il suo aspetto ritmico. Il giocatore dovrà lavorare con lo sguardo oltre che con le orecchie, poiché il personaggio può solo muoversi al ritmo della canzone. Bisognerà poi contare i tempi per potersi muovere. A questo si aggiungerà poi un moltiplicatore di brani trasformando l'area in una sfera specchiata, un indicatore visivo che favorisce l'apprensione del tempo della canzone.





Con ogni movimento fuori tempo, il tuo personaggio non sarà in grado di muoversi e il moltiplicatore scomparirà. Nota anche che essere fuori dal tempo ti impedirà di difenderti e, a volte, sarà sinonimo di morte. E la morte sarà la tua compagna più fedele poiché il tuo cervello avrà spesso difficoltà a concentrarsi sul ritmo della canzone, sul movimento del tuo personaggio e sui nemici intorno a te. Ovviamente, e come in ogni buon canaglia, la moltiplicazione delle parti ti renderà molto meglio, poiché sebbene l'ambiente si rinnovi in ​​modo procedurale ad ogni morte, la musica, non cambia. Questo ti permetterà di muoverti senza pensare davvero al ritmo della canzone, che diventerà parte di te mentre suoni. Inoltre, sarà obbligatorio per chiunque desideri superare ogni area, trovare i forzieri sparsi per tutto il livello, per modificare il proprio equipaggiamento (armi o armature) o per ottenere incantesimi e bonus significativi. Inoltre, molto spesso nei piani potrete trovare diamanti nascosti nei muri, oggetti curati in barili da esplodere usando le vostre bombe, o addirittura chiavi per recuperare per liberare gli NPC che si possono incontrare nell'hub principale. Ognuno di questi NPC ha un ruolo diverso, come il mercante che favorisce la comparsa di determinati oggetti nei forzieri, o quello che, al contrario, impedirà loro di apparire.

Sebbene tutti questi elementi di gioco siano inizialmente difficili da padroneggiare e sinonimo di numerose morti, il gioco è comunque avvincente grazie alle sue meccaniche rilevanti. Inoltre, per semplificarti la vita nella cripta, distribuita su un totale di 5 aree, puoi contare su diamanti da utilizzare al Central Hub per aumentare le possibilità di cadere su un oggetto desiderato, ma anche per ottenere bonus permanenti, come cuori extra, difesa migliore, più forzieri ...




La musica al centro del gioco

Crypt of the NecroDancer è un gioco chiaramente abitato da un'importante presenza musicale. Il gameplay trae la sua forza dal suo concept calibrato attorno a canzoni diverse, ovviamente con ritmi diversi. I musicisti saranno probabilmente più a loro agio all'inizio poiché sono abituati a contare i battiti, ma chiunque può capire e assimilare il gameplay. Oltre a questo, il gioco si distingue grazie a una OST in cui tutti possono trovare il proprio account. Composta da Danny Baranowsky, la colonna sonora del gioco è accattivante ed è sublimata dai remix di Family Jules 7X per gli amanti del metal e da quelli di A-Rivals, più orientati all'electro / hip-hop. La nostra preferenza è però sui remix di Family Jules 7X, assolutamente epici, variando i ritmi, riff pesanti, a volte più blues, o talvolta abbastanza vicini allo speed metal, destabilizzando così il musicista che vorrà erroneamente accelerare il suo personaggio, portato via da la "velocità" delle canzoni. In termini di durata, il gioco non deve vergognarsi. Cinque zone, può sembrare breve, ma gli sviluppatori hanno implementato diversi personaggi, con le proprie caratteristiche. Alcuni ti facilitano il gioco, come il bardo, chiaramente consigliato qui per i neofiti, mentre altri aggiungono una grande difficoltà in un gioco in cui era già presente. Per tornare al bardo, ad esempio, questo personaggio annulla la nozione di ritmo del gioco, trasformandola in un sistema a turni. I puristi diranno che il gioco perde così il suo interesse, ma il bardo ti permette di familiarizzare con il gameplay del titolo, comprendendo e imparando i movimenti dei nemici, il che ti permetterà di essere meno sorpreso durante una fase di gioco. con Cadence o Eli, suo zio.




Ma parlare della durata del gioco senza parlare del bilancio delle vittime significherebbe omettere un punto importante del gameplay. È chiaro che con tutti questi elementi da tenere in considerazione nelle aree della cripta, il gioco è, soprattutto all'inizio, frustrante. Tuttavia, in nessun momento è colpa del gioco, ma del giocatore. Scarsa anticipazione della traiettoria o dei movimenti dei nemici e questo può rivelarsi fatale. Una differenza di tempo, negandoti così l'attacco, e finisci per ad patres. Ma se riesci a superare questa frustrazione, il gioco ti regala un vero momento di divertimento, cullato da una OST tra i capelli. In termini di contenuto, il gioco è completo quanto la sua colonna sonora. Oltre alla miriade di personaggi con cui giocare, ci offre molte modalità di gioco, che vanno dall'addestramento che consente al giocatore di familiarizzare con i combattimenti contro boss o semi-boss, alla modalità storia, per iniziare con Cadence. E nessuno dei bonus acquistati. con i tuoi diamanti. Ci sono anche allenamenti che ti permettono di acquisire poteri speciali, che richiederanno combattività da parte dei giocatori che vogliono ottenerli. Insomma, Crypt of the NecroDancer è un gioco completo, e che può occuparvi a lungo in questo piovoso fine inverno.

Verdito: 8/10

Se l'aspetto pixel art del titolo non piacerà a tutti, bisogna riconoscere che Crypt of the NecroDancer non deve vergognarsi dei riferimenti del genere. Ma, dove ci aspettiamo il gioco, e precisamente dove mantiene le sue promesse, è nel suo mix perfetto tra gioco canaglia e ritmo. Offre momenti spesso epici, sublimati da una OST di follia. Il gioco è difficile, ma mai ingiusto, ea volte ti spinge fino all'ultimo.




Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Crypt of the NecroDancer su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.