gamerslance.com

RECENSIONE Bloodborne: The Old Hunters su PS4

 

Lo scorso marzo, quando il panorama dei videogiochi delle esclusive per PS4 era un po 'cupo nonostante gli annunci che suggerivano buone prospettive, è arrivato Bloodborne. Quella che ha anche lasciato gli appassionati di Souls diffidenti si è rivelata un'ottima sorpresa, inebriante e ricca di qualità. A più di 7 mesi dalla sua uscita, Bloodborne continua ad alimentare le fantasie dei giocatori. Il team di sviluppo responsabile del titolo ci offre quindi oggi un nuovo lato di questa epopea gotica che sembra uscita da un romanzo di Edgar Allan Poe. Il figliol prodigo di Hidetaka Miyazaki è tornato, annunciando il ritorno delle ondate di emoglobina che scorrono liberamente. I cacciatori ti invitano nel loro incubo, avrai il coraggio di rispondere al loro invito?




Andato con il sangue

Sia che tu abbia semplicemente finito il gioco come una sfida personale come un Souls non familiare, sia che tu abbia trascorso ore a vincere il famoso trofeo di platino - ottenuto solo dal 6% dei giocatori che possiedono il gioco, o che non abbiamo mai smesso di giocare a Yharnam, sia in New Game + (++, +++ ecc.) o con più rilanci, c'è una cosa che ci lega tutti: è il fatto che l'annuncio di questo DLC ha (r) risvegliato in noi la nostra anima da cacciatore. In effetti, nonostante il suo profilo atipico, Bloodborne ha convertito molti giocatori in questo gameplay impegnativo adattato dal lignaggio dei Souls. Da quello che avrebbe potuto essere percepito come il suo principale punto debole, dovuto all'accessibilità senza compromessi, il titolo di From Software ne fece il suo punto di forza e aprì le porte dell'action-RPG viscerale a un pubblico più ampio. Un colpo da maestro di cui Miyazaki-san e le sue squadre possono essere orgogliosi. E, francamente, in questo giorno del lancio di Bloodborne: The Old Hunters, sarebbe perfettamente legittimo per loro provare la stessa soddisfazione. Capirai subito il motivo una volta che avrai seguito le seguenti righe, ma soprattutto quando entrerai per la prima volta nell'incubo del cacciatore.




Un po 'appiccicoso e non necessariamente appetitoso ...

La prima cosa da sapere è che The Old Hunters si inserisce logicamente nella trama di base. Accessibile non appena il vicario Amélia viene massacrato, viene offerto direttamente ai giocatori che hanno completato il gioco e non hanno rilanciato l'avventura oltre che a quelli che sarebbero partiti a breve. Attenzione però, perché il livello minimo consigliato (65) non è solo lì per cercare di calmare le teste calde alle prime armi. Diciamo che senza attrezzature e statistiche relativamente migliorate che reggono, sarà difficile per te navigare tra le svolte e le svolte dell'Incubo del cacciatore. Sta a noi fare questa osservazione, inizialmente un po 'semplicistica, ma la difficoltà sembra essere stata rivista al rialzo. Non in modo sproporzionato, ma si tratta chiaramente di offrire qui una sfida tagliente degna del marchio From Software. Come probabilmente puoi immaginare, nuovi tipi di nemici stanno arrivando a mescolarsi con alcune facce mostruose conosciute. L'innovazione non è solo cosmetica poiché sapranno muoversi e agire in modo molto più aggressivo e insidioso. Non sarà raro trovarsi alle strette contro tanti avversari a cui sarà difficile rinunciare in quanto il loro set di mosse gioca sulla velocità ma anche sulla forza. Più bestiali, e forse un po 'meno "intelligenti" nel loro modo di agire, sarà tuttavia complicato distruggere un gruppo di nemici che applicano meravigliosamente l'adagio "L'unità fa la pace. La forza"



E quando non è un gruppo di nemici, o una folla volgare sfacciata che si scatena contro il nostro avatar facendo cadere la sua barra della vita usando una rapida catena di colpi che non abbiamo visto arrivare, i cacciatori verranno più volte a bloccarti la strada. Se il comportamento dei mob di base è più focalizzato sulla pura aggressività, sapranno come adattarsi a seconda di come vai su e giù con loro. Ma il momento clou dello spettacolo risiede sicuramente nei combattimenti contro i boss, alcuni dei quali sono senza dubbio tra i più riusciti nel gioco. Impressionante e sorprendente, ecco le parole chiave della nostra intensa giostra punteggiata da boss che si evolvono durante il combattimento. Lasceremo che i clienti abituali di Souls ci dicano che hanno visto "peggio e più complicato", e trarremo vantaggio dalle superbe orchestrazioni in due o tre fasi che aumentano di forza man mano che la barra della vita dei nostri cari capi cresce. .




Per avviare queste barre della vita ben piene, possiamo contare su nuove armi che completeranno il nostro arsenale di cacciatori. E lì, sentiamo chiaramente il desiderio dello studio di offrire un'esperienza arricchita aprendo il campo delle possibilità. Tra pura forza, esoterismo e attacchi incentrati sulla tinta sanguinante, nulla è stato tralasciato. Questo è anche il motivo per cui ora possiamo trasformarci, tra le altre cose, in un mostro per far esplodere il nostro lato bestiale. Ad ogni modo, queste nuove armi e nuovi equipaggiamenti rinnovano l'interesse del titolo e dovrebbero consentire ai giocatori di creare cacciatori ancora più formidabili. Ciò che ravviva anche l'interesse del PvP poiché alcuni giocatori costruiscono alcuni dei loro personaggi solo con questo in mente.

Le nuove armi introdotte in questo DLC dovrebbero mettere tutti d'accordo.

Quando il tuo incubo prende vita

In concreto, c'è qualcosa a che fare con questa estensione. Ma, come il software di base (e Souls) sarà necessario mettersi in gioco e grattare la superficie per scoprire tutto ciò che possiamo fare, vedere e scoprire lì. Quindi, secondo i giocatori, ci vorranno dalle 5 alle 8 ore per fare un primo round di The Old Hunters. Forse un po 'deludente. Tanto più che il primo terzo di partita ci rimanda al passato, in una Yharnam a testa in giù. Dopo i primi grugniti, perché una direzione artistica così magistrale deve essere sfruttata per offrire nuove ambientazioni, avrete la possibilità di scoprire due nuovi luoghi che vi faranno presto dimenticare questo piccolo dettaglio puntando a far conoscere la storia che aleggia intorno a questo nuovo contenuto, strettamente legato alla Chiesa Cure e ai suoi cacciatori che hanno cercato di trovare un modo per contrastare il male che colpisce Yharnam, non senza conseguenze.




Tanto più che qui sarà possibile attraversare tutte queste zone in successione, senza dover necessariamente ricorrere alle famose lanterne. Ciò è reso possibile, tra l'altro, grazie al level design sempre così ben congegnato e che colpisce ancora una volta nel segno. Probabilmente ti sentirai dire in più di un'occasione "Una lanterna vicina non sarebbe rifiutata" prima di trovare il prezioso sesamo o una scorciatoia per la precedente lanterna accesa. Infine, ci rammarichiamo che siano ancora presenti i piccoli difetti ricorrenti di Bloodborne, ovvero alcuni cali di framerate o la fotocamera che a volte avrà difficoltà a posizionarsi, soprattutto contro i boss. Ciò non ci ha impedito finora di apprezzare il gioco al suo giusto valore, quindi è difficile sanzionare The Old Hunters per questo.


 

Nonostante i recenti annunci, osiamo sperare che Miyazaki-san ci offra un ultimo sanguinoso valzer nelle secche di Yharnam sotto le spoglie di un DLC definitivo o di un sequel, perché l'universo atipico di Bloodborne mescolato con la sua eredità spirituale (Demon's Souls , Dark Souls I e II) fanno di questo titolo un'opera che ci lascia sempre un piccolo assaggio di "tornarci" una volta che il joystick viene abbassato. Puro genio del gioco.

Verdetto: 8/10

Sempre così affascinante, Bloodborne rafforza il suo posizionamento di gioco dell'anno e probabilmente si imporrà tra i giochi di questa generazione con un DLC un po 'corto sulla forma, ma generoso in fondo e nettamente ravvivando l'interesse che lo ha portato. finora. "Aspetta di vedere Dark Souls 3" dirai. Sì, ma eccolo, Bloodborne: The Old Hunters, combinato con il suo contenuto di base, è un universo gustoso e delizioso, un software quasi hardcore, che punisce il giocatore al minimo errore (e ancora di più in questa estensione), e provocando al giocatore una specie di piacere colpevole. Sai, quella di massacrare con avidità e orgoglio una folla un po 'troppo fastidiosa. Fino a quando il boss dell'area non viene a ricordarti che nel mondo inferiore delle produzioni di From Software, il giocatore può passare molto rapidamente da cacciatore a preda. E in Hunter's Nightmare, nessuno ti sentirà urlare (tranne forse i tuoi vicini).



Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Bloodborne: The Old Hunters su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.