gamerslance.com

RECENSIONE Among the Sleep su PS4

 

Continuiamo a ripeterlo, ma la PS4 è sicuramente una piattaforma apprezzata dai fan dei giochi spaventosi. Dal suo lancio, la console Sony ha visto titoli di tutti i tipi tentare di sorprendere i giocatori. Tra il tardo ma ancora inevitabile PT, il terribile Outlast o più recentemente Until Dawn, la sorellina di PS3 deve essere percepita come una terra di accoglienza di un tipo che si potrebbe credere nella perdita di velocità, tanto le esperienze faticano a rinnovare nonostante giochi di qualità ragionevole. È questo che ha spinto Krillbite Studio ad intraprendere l'avventura cercando di dare il proprio contributo alla costruzione? Niente di meno certo, ma è comunque necessario avere le spalle all'altezza dei tanti software già considerati elementi essenziali dell'orribile registro sulle console di ultima generazione.




Ragazzi e ragazze di ogni età, vorreste vedere qualcosa di strano?

Se c'è qualcosa di affascinante nei videogiochi, è la sua propensione a metterci nei panni di personaggi che non avremmo mai immaginato di incarnare, il tutto in storie per lo meno assurde. Abbiamo tutti sognato di essere un supereroe, o almeno un essere straordinario, dotato di abilità sovrumane e di salvare il mondo, persino l'universo. E i videogiochi ci hanno offerto questa possibilità più e più volte, facendoci giocare ad avatar carismatici, potenti e in risposta a questo bisogno di uscire dalle catene della vita reale. Ma si scopre che a volte, questo mezzo ci permette di vivere avventure completamente fuori passo con i desideri dei giocatori, intersecando poi la realtà con il mondo dei videogiochi. Among the Sleep è uno di quei giochi a prima vista inconcepibili, la cui atmosfera infantile sembra essere una vera barriera per agganciare un pubblico adulto e maturo. Eppure, probabilmente è qui il primo obiettivo del titolo dei giovani di Krillbite Studios che ci offrono un titolo tanto sconcertante quanto memorabile.




Annunciato lo scorso anno su PS4 (e compatibile con il visore per realtà virtuale del prossimo produttore giapponese, PlayStation VR), il titolo aveva già illustrato con un passaggio notato su Kickstarter prima di confermare un successo relativamente significativo per un gioco del genere. non meno di $ 250.000 che gli sviluppatori hanno raccolto durante il periodo di crowdfunding, una vera sorpresa per questi studenti che inizialmente avevano avviato la creazione di Among the Sleep come progetto di laurea. Il resto, probabilmente lo sai. Il gioco è arrivato in primavera per PC, Mac e Linux con recensioni contrastanti e feedback dei giocatori. Questo può essere spiegato per diversi motivi sui quali torneremo in dettaglio in questo test. D'altronde una cosa è certa: il titolo non è destinato a tutti i giocatori ed è ricco di qualità insospettabili per un gioco nel suo genere. Altri elementi come l'aspetto tecnico del gioco, la sua durata o anche la sua etichetta di survival horror assegnata in modo casuale ci limitano a questa idea.

Le decorazioni creano un'atmosfera inquietante

Il fatto è che Among the Sleep riesce dove non era necessariamente previsto e sbaglia sui punti previsti al turno. Tuttavia, ciò non le impedisce di posizionarsi come uno dei giochi della scena indipendente alla fine del 2015 su PS4. Per capire meglio tutto questo, mettiamo le cose in ordine. Among the Sleep si presenta come un survival horror in prima persona. Finora, nessuna vera sorpresa visto che negli ultimi anni, molte produzioni hanno utilizzato questo concetto per cercare di spaventare un pubblico in costante richiesta di emozioni. Dove spicca il gioco di Krillbite Studio è soprattutto nella sua idea principale che è quella di mettere il giocatore nei panni di un bambino innocente di appena 2 anni. La piccola spegne anche la sua seconda candela durante il filmato di apertura e riceve il suo regalo di compleanno, un birichino orsacchiotto, che porta il nome di Teddy e che sarà molto più di un compagno nelle avventure del nostro personaggio principale.




Scesa la notte, la nostra giovanissima eroina verrà portata a vagare per i corridoi della casa che non sembra più rassicurante come prima. Va detto che la direzione artistica del bambino può farti sorridere all'inizio. Ma una volta che la notte si riprende, ridiamo subito un po 'meno. È chiaro che dai primi minuti trascorsi al buio, tutto è subito più spaventoso. Tanto più quando sei nei panni di un bambino con una tutina. Il rapporto con l'ambiente è completamente stravolto e iniziamo a saltare dolcemente all'ansa di un salotto poco accogliente una volta che il sole è tramontato. Fortunatamente, la nostra affascinante piccola è accompagnata dalla sua nuova amica, che, quando abbracciata, produce una leggera fonte di luce. Sarà l'unica presenza calorosa che avremo per tutta la partita, tanto da dire che ci siamo conosciuti meglio. Tuttavia, molto raramente il gioco offrirà veri e propri spaventi. I salti sono pochi e le debolezze del titolo, su cui torneremo più avanti, non permettono di far precipitare il giocatore nella paura più totale, come si sarebbe sperato. L'immersione del giocatore è in gran parte perfezionabile e osiamo sperare che quando si passa alla realtà virtuale, il gioco aumenterà il misuratore della paura.



">  

Aggiungi un commento a partire dal RECENSIONE Among the Sleep su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.