gamerslance.com

Prova Ultra Street Fighter 4 su PS4

 

Mentre Street Fighter V fa brillare gli occhi degli appassionati di picchiaduro, la versione Ultra del quarto capitolo della saga con Ryu, Ken e molti altri personaggi cult torna alla ribalta per l'ultima volta in un porting su PS4, per poter essere installato. la licenza ora sulle console di nuova generazione. Come un combattente stanco dopo una feroce lotta e che in un ultimo rantolo lascia andare il suo ultimo hadoken prima di cedere il passo a un nuovo sfidante, Ultra Street Fighter IV ci regala qui i suoi ultimi momenti di gloria. Ma non senza intoppi.




Edizione Omega Championship Turbo Alpha EX ++

È difficile immaginare che Street Fighter 4 abbia celebrato il suo sesto anniversario lo scorso febbraio. Il 6 ° episodio canonico della mitica saga è stato declinato in varie edizioni, una più sobriamente famosa dell'altra, per arrivare finalmente a questo Ultra Street Fighter IV. Ma concretamente il gioco in sé non è cambiato molto. Attenzione, vediamo qui i puristi che vivono lo Stunfest come alcuni vivono i Mondiali, vengono a sottolineare gli enormi cambiamenti apportati durante queste diverse iterazioni. È vero che dalla prima versione del gioco sono state apportate alcune modifiche, in particolare a livello di clamoroso squilibrio tra alcuni personaggi. Ma non è tutto, perché la serie Street Fighter si rivolge a un pubblico esigente, poiché è una delle punte di diamante di molti tornei di picchiaduro. Pertanto, Capcom ha rivisto il gioco nel corso degli anni, cercando di offrire ai fan il gioco perfetto.

Senza entrare troppo nel dettaglio, alcuni attacchi speciali hanno visto la loro potenza modificata, il tempo di innesco di certi colpi è stato allungato o accorciato a seconda dei casi, così come le vite dei vari protagonisti ... insomma, nulla è rimasto al caso nella serie di punta di Capcom, ei migliori giocatori sanno che ogni colpo deve essere studiato attentamente per poter definire quando sarà il momento ideale per lanciare un attacco Ultra Combo o anche un Red Focus che consente, tra le altre cose, per far sussultare l'avversario per un secondo per creare una catena devastante. La domanda che si porrà quindi per alcuni sarà: questo gioco può essere rivolto ai neofiti? La risposta sarà ampiamente positiva, anche se per cominciare sarà consigliato un buon passaggio tra le modalità Allenamento e Sfida per prendere confidenza con i diversi tipi di personaggi e tutte le sottigliezze che il gioco cela.




Il roster è eclettico, ce ne sarà per tutti i gusti

In effetti, il grande punto di forza di Ultra Street Fighter IV è quello di offrire combattenti tutti con stili molto diversi che si adatteranno in base alle esigenze e ai desideri di ciascuno. Ryu e Ken sono ad esempio due personaggi che molti principianti usano perché sono relativamente facili da usare e hanno una vasta gamma di mosse. Il famoso Hadoken di Ryu ti permetterà di finire le combo corpo a corpo, mentre Ken, essendo meno potente, sarà particolarmente utile per tenere a bada l'avversario prima di usare il suo gioco di gambe più efficace di quello del suo rivale. Poiché il gameplay si basa su 3 pugni e 3 calci (Leggeri, Medi e Forti), sarà una questione, qualunque sia il personaggio utilizzato, di collegare correttamente i suoi colpi per uscire da combo devastanti.

HADOKEN!

A livello di contenuti troviamo quindi esattamente le stesse della versione PS3, ovvero le infinite modalità Arcade, Versus, Online, Training e Challenges. Sarà lo stesso per i personaggi poiché il roster sarà completo e avrà tutti i costumi alternativi e i colori aggiuntivi disponibili nel DLC. Fin qui nulla di veramente sorprendente, poiché anzi, nelle aggiunte fatte stanno nella sostanza e non nella forma. Se questa versione per PS4 funziona a 60 fps, come nel caso di Xbox 360 e PS3, la sua risoluzione è 1080p. Uno standard richiesto dai videogiocatori di questi tempi e che resta piacevole, soprattutto per chi gioca su schermi molto grandi.


Alcuni giocatori hanno notato su PS3 una minore latenza sui controlli effettuati, che è stata corretta in questa versione. Inoltre, nel gioco è presente anche la modalità Omega (disponibile solo in Versus e Training) che ha permesso di portare una gamma ancora più varia di mosse ai 44 personaggi in una prospettiva più divertente che competitiva. Meglio ancora, tutte le edizioni di ogni personaggio saranno disponibili nelle due modalità sopra menzionate. Ciò consentirà ai giocatori di riscoprire il modo in cui alcuni personaggi venivano interpretati prima delle modifiche apportate alla versione base, Super, Arcade Edition e 2012 Edition.



Un porto messo fuori combattimento dallo studio Other Ocean

Infine, nota la compatibilità del gioco con i bastoni arcade PS3 approvati. È un'ottima iniziativa da parte di Capcom l'aver voluto integrare questa funzionalità che consentirà ai giocatori (come è avvenuto per noi durante i test del gioco) di utilizzare il fightstick che hanno utilizzato nella versione PS3. Nel nostro caso, abbiamo utilizzato un arcade stick Madcatz (edizione Street Fighter x Tekken) senza problemi. Il gioco riconosce direttamente la bestia e devi solo passare attraverso il menu Opzioni per attivarlo. Semplice ed efficace, finora, non c'è nulla di cui lamentarsi.

Sfortunatamente, il punto che fa male è che questo porting soffre di una serie di problemi che chiaramente offuscano l'esperienza di gioco di un titolo che era molto atteso. Così, tra bug sonori, bug grafici e rallentamenti nei menu, Ultra Street Fighter IV su PS4 riesce a sorprendere, ma per niente in senso buono. Sony potrebbe non aver affidato questo adattamento a uno studio inesperto come Other Ocean, perché il risultato danneggia l'immagine del marchio di questo titolo molto apprezzato dai fan della licenza. A dire il vero, ci chiediamo addirittura come sia stato possibile pubblicare il gioco in questo modo, senza sconvolgere gli sviluppatori. Sebbene Sony e Capcom stiano lavorando mano nella mano - al momento in cui scrivo - per rilasciare una patch correttiva il più rapidamente possibile, il danno è già stato fatto. E quando alcuni attacchi speciali (come il Sonicboom di Guile) sono invisibili o quando le latenze compaiono nel bel mezzo di un combattimento quando un problema simile su PS3 doveva essere risolto qui, non si può fare a meno di pensare a un porting sciatto.




Verdetto: 6/10

Avremmo voluto essere più indulgenti con questo porting per PS4 di Ultra Street Fighter IV, purtroppo ci sono troppi elementi che lavorano contro di esso e rendono fastidioso renderlo il glorioso picchiaduro tanto atteso dal figlio più giovane di Sony. Ovviamente, quando arrivano patch e aggiornamenti per correggere tutto questo, può essere giustamente gustato, ma dobbiamo sanzionare tali difetti. Soprattutto quando si tratta di una licenza come Street Fighter, molto apprezzata nei tornei e che va coccolata entro un anno dall'uscita di Street Fighter V. Per il resto è ovvio che questa versione definitiva della 4a iterazione della saga sia un riferimento ma possiamo solo consigliarti quanto basta per attendere il rilascio delle patch prima di saltarci sopra. Soprattutto con la compatibilità delle bacchette PS3 con licenza, è un'opportunità per ritrovare a casa l'atmosfera delle sale giochi a un prezzo equo.



Aggiungi un commento a partire dal Prova Ultra Street Fighter 4 su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.