gamerslance.com

Prova Everybody's Gone to the Rapture su PS4

 

3 anni di duro lavoro per gli ambiziosi sviluppatori di The Chinese Room, già all'origine di Dear Esther e Amnesia: A Machine For Pigs, ecco cosa ci è voluto per vedere la nascita di Everybody's Gone to the Rapture su PS4. Con questo titolo lo studio dimostra definitivamente il proprio know-how nella categoria dei giochi “a parte”. Con un gameplay minimalista ma risultati mozzafiato, Everybody's Gone to the Rapture convincerà i giocatori in cerca di avventura? Rispondi nel nostro test.




Prefazione: Everybody's Gone to The Rapture è una pura gemma narrativa. Questo test è quindi logicamente garantito senza il minimo spoiler e non ostacolerà la tua futura esperienza di gioco.

Un'esperienza unica

Riducendo al minimo il gameplay di un gioco per concentrarsi il più possibile sul suo aspetto di sceneggiatura, ecco l'audace scommessa che The Chinese Room ha fatto con Everybody's Gone to the Rapture. Sulla scia di The Vanishing of Ethan Carter, eccoti in un mondo aperto in cui la tua unica missione sarà esplorare il mondo circostante, ma non senza colpi di scena. L'enfasi è stata posta sull'imbrigliare i tuoi sensi guidandoti istintivamente verso la risoluzione della trama prendendo il sentiero "da andare" (nella prospettiva in cui vuoi assolutamente progredire nella storia piuttosto che perderti. Escursioni nella graziosa valle di Yaughton), attraverso una storia tanto avvincente quanto angosciante.

Quindi eccoti nella Yaughton Valley, un'affascinante campagna britannica degli anni '80, da cui tutta la vita umana sembra essere stata spazzata via. È allora che da solo e in cerca di conoscenza, ti trovi di fronte a molteplici fenomeni paranormali: una moltitudine di spettri luminosi interferisce poi nel tuo viaggio. Quali sono ? E chi è questo Jérémy il cui nome appare?

Cosa faresti in una città dove rimangono solo i ricordi?




Le famose sfere di luce.

Tutte le risposte sono nella luce

In Everybody's Gone to the Rapture progredirai affidandoti a dispositivi che ricevono o emettono onde, che trasmetteranno misteriose stringhe di numeri o messaggi da ex abitanti della Yaughton Valley. Ex abitanti, perché in effetti l'apocalisse sembra aver colpito i luoghi dove ora restano solo le case vuote ei loro giardini… oltre a strani spettri di luce liquida. Seguirai quindi la storia di 6 personaggi che appaiono come spettri, ognuno dei quali conserva un preciso ricordo dei loro ultimi momenti nella Yaughton Valley.


L'arco principale viene quindi declinato scoprendo cosa lega ciascuno dei 6 personaggi, un po 'come LOST o Twin Peaks. Ad ogni modo, l'aspetto narrativo è un grande successo, è quasi impossibile finire una storia senza voler sapere cosa verrà dopo. Un argomento che compensa la scarsa durata del gioco, ci arriveremo più avanti.

Un capolavoro tecnico

Se Everybody's Gone to the Rapture ha richiesto così tanto tempo di sviluppo per un gameplay così riduttivo, è perché la direzione artistica e tecnica è a dir poco mozzafiato. Il gioco usa i tuoi sensi per aiutarti a progredire, motivo per cui ti consigliamo vivamente di giocare con le cuffie per rendere l'esperienza completa e viverla con dignità, come lo studio ha voluto crearla.

In effetti, l'ambiente sonoro è mozzafiato e risulta essere uno dei punti più lavorati dell'intero gioco. Tra messaggi incomprensibili, onde radio intermittenti, cigolio di porte, la calma morta sta finalmente diventando più rara di quanto si sarebbe immaginato. Il gioco utilizza la tecnica della localizzazione del suono nello spazio: l'emettitore del suono è fissato in un punto preciso nello spazio nel gioco (cabina telefonica, radio, televisione, ecc.), Quindi quando ti muovi, il volume e l'orientamento vengono ascoltati attraverso le tue cuffie. Un aspetto molto efficace per guidarti nel gioco.




Quindi, la musica che ti accompagna è un capolavoro puro. Voci idilliache e composizioni senza tempo, queste sono state totalmente sincronizzate con il gioco per accompagnare la scoperta che hai appena fatto, o almeno per restare fedele alla tua avventura.

Infine, è impossibile non parlare dell'aspetto grafico del gioco. È abbastanza ipotizzabile dire che Everybody's Gone to the Rapture è uno dei giochi più belli usciti fino ad oggi su PS4, al livello di un PT, Silent Demo di Hills. Utilizzando il CryEngine, Everybody's Gone to the Rapture è un open-world per i meno giganti e che non ci intralcia con tempi di caricamento che possono rallentare il progresso. Noteremo comunque qualche calo di framerate a volte, ma niente di fastidioso, non preoccuparti, soprattutto perché rimangono molto rari. Una prodezza tecnica che però spolverà la vostra PS4, anzi sarà a dir poco rumorosa e si trasformerà in un radiatore. Inoltre, l'uso intensivo del motore grafico del gioco giustifica forse l'esclusività di PS4 ... Xbox One sarebbe in grado di far fronte a una tale richiesta di risorse?

Quanto è bello questo lavandino.



Sarai avvertito, Everybody's Gone to the Rapture è una vera fabbrica di carta da parati.

E poiché il gioco perfetto non esiste ancora, almeno su PS4, dobbiamo purtroppo affrontare il problema della durata del gioco, che può essere interpretato in due modi. La nostra paura è stata confermata per la prima volta, alla vista delle abitudini di The Chinese Room di produrre qualità ma per una durata abbastanza breve: conta appena 6 ore se ti prendi il tempo di perderti ovunque, mentre cerchi di interagire con il maggior numero di elementi possibile. Ma d'altra parte, la quantità di informazioni da prendere per entrare nella storia e comprenderla è piuttosto densa e complessa ... Se il gioco fosse durato molto più a lungo, il giocatore si sarebbe sicuramente annoiato. In effetti, il gioco è piuttosto equilibrato, a condizione di non perdersi, un compito più complicato di quanto sembri, la sensazione di libertà è totale.


Verdetto: 9/10

Un vero preferito editoriale, Everybody's Gone to the Rapture è uno di quei titoli che non possono essere classificati. Più che un gioco, questa è un'esperienza che ti trasporterà ben oltre ciò che puoi immaginare. Il successore spirituale di Dear Esther, Everybody's Gone ot the Rapture piacerà senza dubbio ai fan dei giochi con un forte accento narrativo, come Heavy Rain, Beyond Two Souls o The Vanishing of Ethan Carter. E anche se questa non è proprio la tua solita area di gioco, non possiamo raccomandare abbastanza di chiudere gli occhi nel mondo di Yaughton Valley, tanto il risultato vale la candela.



Aggiungi un commento a partire dal Prova Everybody's Gone to the Rapture su PS4
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.